I cugini da corsa Marcomini al Rally del Taro 2019

I cugini da corsa Fabio e Gian Marcomini al Rally del Sebino

C’è chi approda sul Sebino auspicando di restare incantato dallo splendido panorama lacustre. E chi, invece, vi arriva per incantare: è il caso dei ‘cugini da corsa’ Fabio e Gianmaria Marcomini, i quali si accingono a disputare il Rally Day del Sebino con la ferma volontà di replicare le abbacinanti prestazioni sciorinate nelle ultime apparizioni agonistiche.

I due, infatti, sono reduci da schiaccianti vittorie di classe e da piazzamenti sorprendenti in classifica assoluta, nonostante Fabio Marcomini non abbia modo di correre con buona frequenza: è infatti dal rally Nazionale del Taro dello scorso inizio di giugno che il veloce portacolori di Collecchio Corse non sale sulla propria Citroen Saxo VTS, ed allora finì con il netto primato di N2 ed un eccellente 15° posto assoluto; risale addirittura ad un anno fa la memorabile settima posizione assoluta firmata al Colli Piacentini.

Al Sebino, Fabio e Gianmaria Marcomini volevano provare asfalti a loro inediti e confrontarsi con una muta di agguerriti locali pronti a tutto pur di ben figurare sulle strade di casa. E sebbene i piacentini di Collecchio Corse partissero alla volta dell’alto lago d’Iseo prima di tutto per divertirsi e trascorrere una bella giornata di sport, il pedigree agonistico dei ‘cugini da corsa’ lasciava pensare che la loro presenza avrebbe costretto parecchi avversari – non solo di classe N2 – a ridimensionare i propri sogni di gloria.

Invece, è stata una bella giornata di sport, conclusa ad ammirare – un po’ troppo presto – lo splendido panorama offerto dal lago d’Iseo: è andata in archivio in questo modo la spedizione orobica dei ‘cugini da corsa’ di Collecchio Corse, Fabio e Gianmaria Marcomini, al rally day del Sebino. L’equipaggio piacentino si è infatti ritirato nel corso della quinta e penultima prova speciale del rally sprint lombardo, tradito da un semiasse della Citroen Saxo VTS; questo ha anche interrotto una striscia positiva che durava da oltre quattro anni.

Commiato ben diverso da quello auspicato alla vigilia, che ha privato Fabio e Gianmaria Marcomini di un buon piazzamento di classe N2 nella loro prima apparizione sulle strade dell’alto Sebino: i due stavano viaggiano con un passo più che buono, che li ha visti segnare regolarmente il quinto e sesto tempo di N2 nei primi quattro impegni cronometrati; al momento di alzare bandiera bianca, i portacolori di Collecchio Corse erano sesti, ma con la concreta possibilità di agguantare non solo il quinto, ma anche il quarto posto nelle due prove conclusive.

“Ci spiace molto per com’è andata a finire – sospira Fabio Marcomini -, perché stavamo disputando una gara più che soddisfacente. Credo che avremmo magari potuto migliorare il nostro ritmo nel finale ed è un peccato non aver potuto scoprire fin dove avremmo potuto arrivare. Complimenti comunque ai nostri avversari, davvero molto veloci e, almeno per quanto riguarda i primi tre, senz’altro non alla nostra portata. Di questi due giorni al Sebino conserveremo comunque un bel ricordo: la gara presenta prove molto belle, incastonate in un paesaggio davvero stupendo; al di là del ritiro, ci restano le buone indicazioni in termini di prestazioni ed il piacere di avere vissuto un fine settimana comunque divertente”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Vuoi condividere con RS cosa pensi o vuoi fare segnalazioni?