Christian Loriaux

Hyundai si affida a Christian Loriaux per la i20 WRC ibrida

Il mondo cambia velocemente. E così, se fino alla scorsa settimana, ufficialmente, stava lavorando alla trasmissione della M-Sport Ford Fiesta Rally1 Hybrid, che per stessa ammissione di Malcolm Wilson vuole essere la vettura da battere, l’ingegnere Christian Loriaux è pronto, valige alla mano, a trasferirsi con tutti i suoi segreti e le sue competenze lì dove ce n’è più bisogno: in Hyundai Motorsport. Ma in part-time.

L’avventura di Christian Loriaux in M-Sport non è totalmente finita. L’ingegnere e designer, in particolare della Ford Focus WRC negli anni 2000, lascerà il team britannico per alcuni giorni al mese – per unirsi alla squadra comandata da Andrea Adamo, l’unica del circus iridato in forte ritardo sullo sviluppo della vettura ibrida – perché la Bentley ha ridotto il programma in circuito e lui non si sente impegnato come vorrebbe. Così ha colto al volo la volontà di Adamo che, quindi, si dividerà (chissà l’ingaggio…) con la concorrenza britannica (Loriaux resta nel programma M-Sport Bentley) il “pezzo forte”, colui che ha già lavorato alla Ford 2022 e ne conosce segreti ed eventuali punti deboli.

Dopo vent’anni in M-Sport e Bentley in GT, adesso una nuova grande sfida attende l’ingegnere belga – simbolo di diverse epoche del rallysmo mondiale – che si occuperà anche dello sviluppo della nuova i20 WRC 2022 ibrida con cui i coreani vogliono continuare a difendersi nel Mondiale Rally, finendo per realizzare due delle tre vetture del futuro Mondiale. Con l’aiuto di Loriaux, la musica potrebbe cambiare…