Guida alla sicurezza degli spettatori con le auto Rally1

Il WRC 2022 porta con se tante novità, compresa la più importate e attesa (e polemizzata) quella dell’avvento della tecnologia ibrida. Le vetture saranno alimentate da corrente ad alta tensione, motivo per cui saranno dotate di un segnale luminoso.

Tre i colori che appassionati, media, addetti ai lavori ed eventuali soccorritori dovranno imparare bene, onde evitare di essere esposti al pericolo di scariche elettriche ad alta tensione, che ad esempio c’è dopo un’uscita di strada, oppure a causa di un guasto. I colori da tenere in considerazione sono il verde, il blu e il rosso. Questi ultimi due indicano una situazione di reale pericolo (non potenziale!) e quindi gli spettatori devono tenersi lontano dalla vettura e non toccarla per nessun motivo.

Il segnale verde sta a indicare che la vettura è OK e può essere toccata. Il segnale rosso oppure spento sta a indicare che c’è un problema. In questo caso gli spettatori non devono avvicinarsi alla vettura, altrimenti rischiano di prendere una forte e pericolosa scossa. Le squadre d’intervento sono dotate di guanti isolanti e sono inviate sotto il controllo del delegato FIA. Infine, il segnale blu sta a indicare un problema grave. Quando è accesa la luce blu significa che c’è un grande pericolo e scatta automaticamente l’intervento medico. Alle lucine è abbinato un segnale acustico per dissuadere chi volesse avvicinarsi al mezzo.

A breve partirà una campagna di informazione da parte della FIA e di ACM per evitare che al prossimo Monte-Carlo possano capitare spiacevoli e pericolosi incidenti, dovuti alla scarsa conoscenza e all’imprudenza di determinati spettatori.

Dal 5 dicembre 2021 in edicola e in digitale

Copertina dicembre 2021