Gryazin vince in Ungheria, titolo a Mikkelsen

Seconda vittoria stagionale nel FIA ERC per il russo Nikolay Gryazin (Volkswagen Polo GTi R5). Il portacolori Movisport nel WRC2 si è da subito adattato benissimo alle insidiose stradine ungheresi, portandosi al comando della gara fin dalle prime battute e cogliendo come detto la seconda vittoria stagionale, dopo quella ottenuta ad inizio estate in Lettonia.

“Sono felicissimo di aver trionfato in questo rally – ha detto Gryazin -. I miei avversari hanno avuto molte difficoltà su queste strade, noi abbiamo corso in maniera attenta gestendo e cercando di controllare al meglio il ritmo gara. Ringrazio la mia squadra per lo straordinario lavoro che hanno svolto, mi hanno assecondato e sopportato in tutti i cambiamenti che ho voluto apportare alla vettura”.

Alle spalle del russo, chiude Mads Ostberg (Citroen C3 rally2). Il norvegese tempi alla mano aveva il ritmo giusto per giocarsi il successo, ma un’errore ad inizio rally compromette la gara. Terza piazza in rimonta per il polacco Miko Marczyk (Skoda Fabia Rally2), seguito in quarta posizione dal locale Andras Hadik (Ford Fiesta Rally2) e in quinta dal giovane iberico Efren Llarena (Skoda Fabia Rally2). Ottima la prestazione di Simone Campedelli e Tania Canton che portano a casa una meritatissima sesta posizione assoluta sulla loro Skoda Fabia Rally2 gommata MRF Tyres.

Settimo al traguardo dopo una gara travagliata e ricca di inconvenienti, Andreas Mikkelsen porta a casa il titolo Europeo e fa il bis con il WRC2, conquistato da assente la settimana scorsa in Spagna. Completa la top ten, in ottava posizione Erik Cais rallentato da una foratura che lo toglie dalla lotta per il podio, nona posizione per Yoann Bonato, mentre chiude la top dieci il locale Miklos Csomos. Quindicesima posizione per Alberto Battistolli e Simone Scattolin.

Nell’ERC2 vittoria per lo spagnolo Siota Pardo (Suzuki Swift r4lly S), mentre nell’ERC3 strepitosa prestazione per il neo-campione del mondo JWRC Sami Pajari che si giocherà il titolo in Spagna contro Franceschi e Bassas. Chiusura per Andrea Mabellini e Virginia Lenzi che si portano a casa il Clio Trophy by Toksport.