Esclusiva, Rachele Somaschini: CorrerePerUnRespiro

Esclusiva, Rachele Somaschini: CorrerePerUnRespiro

Da Rachele non sai mai cosa aspettarti. Con la certezza che non sarà comunque qualcosa di banale. Magari ti troverai di fronte la ragazza dallo sguardo dolce. O quella che sprizza determinazione da tutti i pori. Forse la giornalista appassionata e professionale, o la suffragetta di una causa nobile come l’iniziativa #CorrerePerUnRespiro, che ha fondato nel 2016 per unire la sua passione per i motori – ereditata dall’immancabile papà Luca, pilota di endurance negli anni Novanta – onnipresente alla volontà di sensibilizzare sull’importanza della ricerca scientifica in generale e di quella sulla fibrosi cistica in particolare – malattia da cui è affetta – e per cui collabora alla Fondazione Fibrosi Cistica Onlus presieduta da Matteo Marzotto.

Ma quella che cerchiamo come punto di partenza è Somaschini Rachele, vincitrice della Coppa Aci Sport Femminile del Campionato Italiano Rally 2019. In pratica la Campionessa d’Italia.

Rachele, punto di arrivo della tua carriera rallystica?

“Semmai di partenza. Nei rally sapevo che sarebbe stato più difficile che nella velocità in salita o in circuito. Ma io sono competitiva e vorrei emergere anche contro i colleghi maschi, come ho fatto nel CIVM e in pista”.

Infatti la ragazza di Cusano Milanino nel CIVM è stata campione 2016 fra le Racing Start Plus con la Mini con i colori della sua scuderia, l’RS Team, segnando anche il tempo record di categoria alla Monte Erice. Nello stesso anno ha vinto la categoria nel Mini Challenge Italia in pista. Nel 2017 ha vinto la Coppa delle Dame nel CIVM per poi passare ai rally. Dove gli sono bastate due stagioni per arrivare al massimo alloro per una esponente del gentil sesso.

“So che devo migliorare e sono come fare, già al Tuscan qualcosa ho fatto vedere. Ma, ripeto, non mi basta primeggiare fra le donne”.