ERC1 Junior, Oliver Solberg: giovane, dolce e sveglio

ERC1 Junior, Oliver Solberg: giovane, dolce e sveglio

Oliver Solberg, 19 anni, ha portato a termine il campionato FIA ERC1 Junior fino al Rally delle Canarie, prova decisiva per la stagione, e ha superato uno svantaggio di sei punti contro Grégoire Munster per aggiudicarsi la corona dopo che il rivale, 21enne, è stato ritardato nella fase di apertura dell’evento.

Ma avendo vinto la categoria per giovani stelle nelle vetture Rally2 a Roma e Liepāja, lo svedese è stato un meritevole vincitore dell’ambito titolo e della borsa di studio per la progressione di carriera del Campionato Europeo Rally FIA da 100.000 euro in offerta al campione. Coadiuvato dall’irlandese Aaron Johnston, Solberg ha sfidato Alexey Lukyanuk nel Campionato Europeo Rally FIA, finendo al secondo posto dietro al campione Alexey Lukyanuk. Questo è quello che ha detto dopo il suo successo a Las Palmas.

Campione FIA ​​ERC1 Junior per il 2020, quanto è bello?

“Per me è stata una stagione incredibile. Il piano era principalmente quello di fare esperienza su asfalto ma è andato tutto abbastanza bene a Roma e in Lettonia e poi abbiamo pensato perché non provare a vincere il titolo ERC1 Junior e provare anche per il massimo campionato. In Portogallo abbiamo avuto dei problemi con il turbo e anche l’uscita durante lo shakedown, quindi non è stato perfetto in ottica campionato ma, nel complesso, è stato un anno fantastico e con molta esperienza. Vincere il titolo per la prima volta è incredibile”.

Quanto è stata dura la concorrenza?

“La competizione è molto dura con una concorrenza così spietata da parte dei ragazzi locali e, naturalmente, i ragazzi che partecipano regolarmente al campionato… Riuscire a conquistare il titolo e finire secondo in classifica alla fine dopo una stagione difficile è fantastico”.

Cosa hai imparato in questa stagione?

“La mia carriera consiste nel fare esperienza. Sulla terra mi sento a mio agio, va bene così. Ma sull’asfalto è stata la prima volta per me in ERC quest’anno e di sicuro ho bisogno di maggiore esperienza. Cambiare auto per eventi diversi, condizioni diverse è abbastanza difficile. L’Ungheria è stata anche la prima volta con la Škoda su asfalto. C’è sempre qualcosa di nuovo da imparare e a cui adattarsi, ma è una buona esperienza per il futuro”.

Guardando indietro, qual è stato per te il momento clou dell’ERC 2020?

“Roma mi ha divertito molto, la prima volta su asfalto, riuscendo a ottenere il terzo posto assoluto e anche costruire il mio ritmo per lottare con i ragazzi sulle PS è stato fantastico. È stato un evento davvero speciale”.

E il momento pegiore?

“Il Portogallo è stato un brutto momento quando sono uscito durante lo shakedown. Ma, in generale, è stata una gara abbastanza buona perché stavo lottando al vertice. Non abbiamo sempre fatto le migliori scelte di pneumatici, quindi è stato un evento 50-50. In Ungheria non ho trovato il ritmo con la nuova vettura. Per me con la mia guida è stata probabilmente la gara peggiore”.

Hai menzionato la dura concorrenza di piloti come Grégoire Munster, ma qual è la tua opinione di Alexey Lukyanuk, il pilota che ti ha battuto per il titolo assoluto?

“È Colin McRae numero 2! Guardo sempre i suoi video e ammiro molto la sua velocità, il suo attacco e la sua passione. Adoro gareggiare contro di lui ma non è facile perché è sempre veloce ovunque vada. È sempre pazzo e veloce”.

Cosa ti riserva il futuro?

“L’ERC fa sicuramente parte dei miei piani. È un campionato fantastico con tanto asfalto, di cui ho bisogno. È fantastico per la costruzione della mia carriera con tanti rally fantastici. Non so ancora cosa succederà, ma non manca molto al nuovo anno, quindi dobbiamo prepararci”.

Recenti campioni ERC1 Junior

2020: Oliver Solberg (Svezia)
2019: Filip Mareš (Repubblica Ceca)
2018: Nikolay Gryazin (Russia)
2017: Marijan Griebel (Germania)