ERC: Solans show alle Canarie, Llarena leader dell’ERC

Due su due per Nil Solans nel Campionato Europeo Rally. Il forte pilota iberico, dopo aver vinto il primo round di campionato a Fafé, ha dovuto saltare per mancanza di fondi le Azzorre ed è tornato nel FIA ERC alle Canarie, dando spettacolo e vincendo sulle insidiose strade di “casa”.

L’inizio gara dell’ex campione J-WRC 2017 non è stato dei migliori a causa di un problema di surriscaldamento dei pneumatici della sua Polo GTi R5, ma una volta tornato in assistenza e risolto il problema lo spagnolo ha ripreso a macinare tempi fino a risalire al secondo posto assoluto alle spalle di Monzòn. Il pilota canarino vince l’oscar della sfortuna: dopo aver dominato la gara per oltre tre quarti, è costretto al ritiro. Ad approfittare di questo ritiro è proprio Solans che si porta al comando delle operazioni, difendendo la sua leadership dagli attacchi di Llarena.

“Vincere su queste strade è fantastico – dichiara Solans al termine del rally -. Voglio ringraziare gli sponsor e tutte le persone che mi hanno permesso di essere al via di questa gara, questa vittoria è tutta per loro e per il mio team, senza di loro non avrei mai centrato questo successo. Non abbiamo svolto test perché non avevamo budget per poterli fare, quindi le varie regolazioni alla vettura le abbiamo fatte in gara. Mi piacerebbe essere al via del Rally di Polonia, siamo già al lavoro per riuscire nell’impresa di trovare il budget necessario per esserci”.

Secondo gradino del podio per Efren Llarena e Sara Fernandez su Skoda Fabia Rally2 gommata MRF. Gli alfieri MRF, grazie a questo risultato unito al secondo posto nella power-stage finale sono i nuovi leader del Campionato Europeo è avranno l’onore di avere il numero 1 sulle portiere al prossimo Rally di Polonia. Terzo gradino del podio per Yoann Bonato su Citroen C3 Rally2, che riscatta se pur parzialmente un’avvio di stagione disastroso in Patria. Quarta piazza per Enrique Cruz su Ford Fiesta Rally2, seguito in quinta piazza dal nostro Simone Campedelli.

La top ten è completata da Pep Bassas che chiude sesto assoluto e centra il suo miglior risultato in carriera nel FIA ERC, settima piazza per un sorprendente Emmanuel Guigou sull’Alpine 110 RGT, ottavo chiude Pardo Siota, nona posizione per Simone Tempestini e decima per l’ungherese Norbert Herczig. Escluso dalla classifica per irregolarità Alberto Battistolli.