ERC, Serras de Fafe day 1: Nil Solans domina, bene Battistolli

Nella prima ed impegnativa tappa del Rally Serras de Fafe, appuntamento d’apertura del Campionato Europeo Rally 2022, si è assistito al dominio incontrastato di Nil Solans e della sua Volkswagen Polo R5. Il pilota spagnolo, affiancato dall’esperto Marc Martì, ha letteralmente fatto il vuoto alle sue spalle, imponendo un ritmo davvero micidiale nel corso della giornata per tutti i suoi avversari. C’è da dire che l’iberico ha costruito gran parte del suo vantaggio grazie anche all’intelligenza tattica, capendo dove era necessario prendersi qualche rischio in più e dove bisognava invece giocare di conserva. Questo gli ha permesso di non commettere nessun errore, dove invece era facilissimo sbagliare in una tappa caratterizzata dalle avverse condizioni meteo.

L’unico che ha provato ad impensierirlo è stato Georg Linnamäe, anch’egli al volante di Volkswagen Polo. L’estone ha corso fin qui una gara di alto livello, riuscendo ad avvicinarsi pericolosamente alla vetta in più di una occasione. Purtroppo l’atteso sorpasso, quando si trova a soli 13″5, non arrivava perchè Solans nelle ultime due PS della giornata faceva l’impresa firmando due tempi scratch che mettono fine (salvo imprevisti nella giornata di domani) al discorso per la vittoria, mentre Linnamäe doveva fare i conti con il parabrezza appannato della sua Polo, perdendo così 40″7 sulla PS8 e altri 50″2 nella PS9, accumulando un ritardo di 1’44″4 dalla vetta della classifica.

Al terzo posto troviamo la Skoda Fabia Rally2 Evo di Armindo Araújo, autore di una tappa attenta e veloce, cosa che gli ha consentito di costruirsi un margine di 58″5 sulla Fabia dello spagnolo Javier Pardo. Ottima la gara di Simone Tempestini e Alberto Battistolli, rispettivamente al quinto e sesto posto dell’assoluta. A seguire, in settima posizione ed ottava posizione, ci sono le due Skoda Fabia Rally2 Evo dell’ungherese Norbert Herczig e del locale Miguel Correia. Chiudono i primi dieci la Hyundai I20 Rally2 di Bruno Magalhaes e la Citroën C3 Rally2 di José Pedro Fontes. Quest’ultimo ha un ritardo dalla testa della classifica di ben 8’30″9.

Tra gli sfortunati protagonisti di questa prima frazione di gara ci sono lo spagnolo Efren Llarena, costretto al ritiro dopo aver danneggiato il radiatore della sua Skoda Fabia nella PS2, il ceco Erik Cais a seguito di una doppia foratura patita sulla PS3, l’estone Ken Torn per la rottura del radiatore della sua Ford Fiesta Rally2, e il “nostro” Simone Campedelli, ritiratosi sulla PS7 per il cedimento della sospensione posteriore della Skoda Fabia marchiata MRF Tyres.

La gara riprenderà nella giornata di domani con la PS di Montim 1 (8.73 km) alle ore 9:08 italiane.