Damiano De Tommaso

ERC, Roma: successo travolgente per De Tommaso-Ascalone e Meteco

Sono Damiano De Tommaso e Giorgia Ascalone, insieme a Meteco Corse, i vincitori del Rally di Roma Capitale, gara valida per il sesto round del Campionato Europeo Rally e per il quinto del Campionato Italiano Assoluto Rally – Sparco.

Il 26enne varesino, al suo terzo gettone in una gara ERC (tutte a Roma), porta a casa un successo indiscutibile e perentorio che va a fare il bis con quello conseguito al Targa Florio e lo rilancia in chiave titolo Nazionale. Una gara di alto profilo quella di De Tommaso, bravo da prima a stare in scia ad un Crugnola velocissimo e allo stesso tempo sfortunato e successivamente, una volta ripreso il comando della gara, ha gestito il vantaggio sugli avversari in maniera perfetta.

“Non ho parole per descrivere questa sensazione – dichiara un’emozionatissimo De Tommaso ai microfoni di WRC All Live – Sono molto contento e voglio ringraziare il team Delta Rally e Pirelli, i miei meccanici e Riccardo Cappato. Mi son piaciute tutte le prove, i nostri pneumatici sono stati perfetti per tutta la durata del rally”.

Seconda posizione per Simone Campedelli, che sulle strade di casa conquista il primo podio stagionale nel FIA ERC. Il driver romagnolo, navigato da Tania Canton chiude staccato di 10”4 dal connazionale De Tommaso: “Considerando dove eravamo 12 mesi, MRF ha fatto passi da gigante – dichiara Campedelli – Facciamo parte di una grande squadra e stiamo crescendo in maniera molto rapida”.

Sul terzo gradino del podio conclude Yoann Bonato (Citroen C3 rally2), il francese arpiona il terzo gradino del podio al termine di un bellissimo duello contro il leader del campionato, l’iberico Efren Llarena (Skoda Fabia Rally2 evo). Il gap tra i due dopo quasi 200 chilometri di prove è di solo due decimi di secondo, un risultato che avvicina il portacolori MRF e la sua navigatrice Sara Fernandez al titolo Europeo. La top 5 è chiusa dal varesino Andrea Crugnola e da Pietro Ometto, l’equipaggio di Citroen Italia, ha dimostrato ancora una volta le sue indubbie qualità, comandando a lungo la gara, ma un problema al motore gli ha impedito la gioia della vittoria.

La top 10 è completata da Simone Tempestini (Skoda Fabia rally2) in sesta posizione, Siota Pardo (Skoda Fabia rally2 evo) chiude la sua gara in settima piazza, mentre il polacco Grzegorz Grzyb (Skoda Fabia rally2 evo) è ottavo, seguito in nona piazza dall’ungherese (trasparente ai fini ERC) Miklos Csomos e in decima da nostro Tommaso Ciuffi.

Gara da dimenticare per diversi protagonisti dell’ERC/CIAR, da Giandomenico Basso, autore di tre false partenze (due in gara e una nella QS) e di un’uscita di strada, ad Alberto Battistolli fermato nel trasferimento verso Fiuggi da un problema alla pompa di benzina, passando per Fabio Andolfi, Emmanuel Guigou e Giacomo Scattolon.

Vittoria spagnola nell’ERC Open con Alberto Monarri che precede Joan Vinyes di 20”; nell’ERC3 successo per l’estone Robert Virves, mentre parla francese l’ERC4 con il successo di Laurent Pelleir, assieme a lui sul podio due equipaggi tricolori, quelli formati da Andrea Mabellini – Virginia Lenzi e da Roberto Daprà e Luca Guglielmetti al loro primo podio Europeo in carriera.

Tornando al CIAR, vittoria per De Tommaso su Crugnola e Ciuffi. Tra le due ruote motrici vittoria per Andrea Mabellini, mentre nello Junior la vittoria va all’equipaggio siculo formato da Alessandro Casella – Rosario Siragusano, che si tolgono il gusto di vincere la classe RC5.