,

Erc, Rally Liapāja: dominio di Sesks, Paddon ancora leader

sesks

Martin Sesks domina ancora una volta in casa e vince per la seconda volta di fila il Rally Liepāja, che l’anno prossimo potrebbe essere Mondiale. Hayden Paddon, secondo, tiene la leadership dell’Europeo proprio davanti al lettone. Mads Ostberg, terzo, oggi ha 44 punti di ritardo dal kiwi. Campedelli, decimo, migliore degli italiani.

È stata una sostanziale marcia trionfale quella che ha permesso a Martins Sesks di vincere a casa sua, con una prestazione sontuosa. Non c’è l’en plein dell’anno scorso, ma sulle nove prove disputate Sesks ne ha vinte sette, compresa la Power Stage. Nella città in cui vive e in cui suo papà è vicesindaco erano in migliaia a sostenerlo a ogni metro, in prova come in trasferimento: i bimbi ne erano attratti come le api coi fiori, a dimostrazione di quanto anche l’amore della sua gente abbia contribuito a farlo letteralmente volare e a mantenerlo nettamente il migliore dei piloti gommati MRF, apparsi in generale un po’ in difficoltà con l’abbassarsi delle temperature. Questo dà l’idea di quanto Sesks sia stato un vero e proprio extraterrestre.

Dietro a lui la lotta c’è stata e ha premiato Hayden Paddon, secondo e sempre più leader della classifica di questo Europeo: oggi ha e, dopo aver lasciato andare un imprendibile Sesks, ha pensato ad amministrare un vantaggio di non poco conto su Mads Ostberg, che con l’avvicinarsi dell’asfalto pare l’unico davvero in grado di impensierire un kiwi che oggi mantiene più di una gara di vantaggio sul norvegese con i suoi 44 punti di vantaggio sui 35 assegnabili in ogni weekend.

Gara complessa per gli italiani, che si consolano con tre piazzamenti a punti. Simone Campedelli ha deciso di festeggiare il compleanno di Tania Canton con il decimo posto, salendo così a 8 punti nel campionato. Salgono a 11 punti Andrea Mabellini e Virginia Lenzi, 13° assoluti, mentre è arrivato il primo punto stagionale per Alberto Battistolli, 15° al rientro con Simone Scattolin. Primo degli italiani nella classifica è ancora Andrea Nucita, assente in Lettonia.