,

Diretta TIR, Rally del Salento 2024: successo di “Pede”

Pedersoli-Bonato, Salento 2024

In fase di svolgimento in Puglia, la terza prova del Trofeo Italiano Rally, che seguiamo attraverso questa diretta curata dalla nostra redazione e che approfondiamo sul numero di RS rallyslalom…e oltre in edicola a partire dal 10 giugno 2024.

Attaccando dove sapeva di avere più possibilità, sfruttando alla perfezione la conoscenza della loro Citroen Ds3 WRC, duellando sul filo dei decimi ma senza mai cedere nell’errore: Luca Pedersoli e Corrado Bonato hanno vinto uno dei più spettacolari e tirati Rally del Salento, dopo due giorni di gara lottata sul filo dei decimi. L’edizione 56 della gara organizzata da AC Lecce, valida come fondamentale appuntamento del Trofeo Italiano Rally, ha regalato alla serie tricolore un 3° round da impazzire, dove tra rientri di spessore e battaglie in punta di millesimi l’incertezza del risultato è rimasta tale fino alla fine. Pedersoli tuttavia, dopo non aver partecipato al Marca e con un 3° posto a Cassino, sin dalle prime battute di gara era apparso particolarmente determinato verso il successo, e dando la zampata nel momento giusto, cioè nel secondo passaggio della PS “Torre Paduli”,  ha vinto il duello con Giuseppe Testa e Gino Abatecola. Secondi classificati i leader del Trofeo ci hanno provato fino alla fine a mettere Pedersoli sotto scacco, ma quei 4“ rifilati dal bresciano nella PS6 sono stati un margine difeso strenuamente. In Piazza Mazzini a Lecce, col boato del pubblico e le luci del superbo parco tutto decorato alla salentina, Testa aveva solo 1.3“ di distacco nonostante l’assalto sulle ultime due PS in programma. L’ennesimo duello ha dunque animato, prova dopo prova, il Trofeo Italiano Rally, che visto il punteggio a coefficiente maggiorato assegnato in Salento ora vede Pedersoli rilanciarsi pesantemente verso il vertice, in uno scontro tra grandi piloti che la serie si porterà avanti fino alla fine.

Terzo al rientro e con un conto in sospeso con le strade salentine, sempre complicate per i muretti a secco, la vegetazione e l’asfalto scivoloso, Luca Rossetti con Nicolò Gonella, a bordo di una Skoda Fabia Evo. Il campione europeo ha fatto partire la sua stagione dal “Tacco d’Italia” e nonostante le tante novità è subito partito bene con tempi per sfidare il podio e la vittoria. Il suo ritorno nel Trofeo Italiano Rally alza ulteriormente il grado di spettacolarità della serie. Sfida che si è poi chiusa al millesimo quella tra Corrado Pinzano, uno dei protagonisti del TIR, e Francesco Rizzello, pilota locale che ha mostrato un ritmo devastante. Pinzano con Mauro Turati su Volkswagen Polo ha inizialmente tenuto il passo del vertice vincendo anche la PS5, ma sul primo passaggio della “Specchia” il vincitore del Rally della Marca ha forato perdendo 55“, lasciando così sfilare via ogni velleità di vittoria. Il salentino Rizzello invece, con Fernando Sorano per un equipaggio tutto locale, ha avuto noie ai freni che gli hanno fatto perdere diversi secondi sulla prima prova della giornata. I due si sono così trovati, pur senza volerlo, in bagarre serrata per il 4° posto ed alla fine della gara Pinzano è arrivato nel cuore di Lecce con soli 3 decimi di margine. Sesto poi uno sfortunato Simone Miele, navigato per l’occasione da Giulia Paganoni su altra vettura ceca, che soprattutto nell’ultima speciale ha pagato diverso ritardo a causa di una leggera toccata; al termine aveva 1’25 di distacco dalla vetta. 

Image

Torna nuovamente ad inserirsi di forza nella top10 poi Paolo Menegatti, su Skoda Fabia RS e con le note di Nicola Rutilgiano, che conferma il trend di crescita iniziato già lo scorso anno e che nelle prime tre gare dell’anno ha fruttato sempre ottimi riscontri al cronometro. Chiudono le prime 10 posizioni Marco Silva tornato in coppia con Giovanni Pina alll’ottavo posto, l’equipaggio della famiglia Nodari al nono e Di Gesù-Quarta al decimo.

Nella Suzuki Rally Cup è invece arrivato il secondo, pesante sigillo del giovane Sebastian Dallapiccola. Il talento trentino, navigato da Fabio Andrian su una Suzuki Swift Sport Hybrid, è stato velocissimo in tutte le prove ed ha attaccato senza mai risparmiarsi, approfittando senza commettere errori delle sfortune altrui. Secondi e terzi nel trofeo nipponico infatti sono poi Fichera-Manco e Pelleè-Franceschini, entrambi saliti sul podio nonostante qualche noia tecnica. La classifica della Coppa ACI Sport Due Ruote Motrici ha poi visto primeggiare, sin dallo spettacolo della Pista Salentina, Giorgio Liguori e Mattina Nicastri. L’equipaggio su Renault Clio Sport è stato fulmineo sulle viuzze salentine strappando anche un incredibile 11° posto assoluto. Secondi poi Pisacane-Primiceri su Peugeot 208, dopo una bella lotta con il vincitore in carica della Coppa Gianluca Saresera, il quale con Manuel Fenoli grazie a questo 3° posto comunque riscatta in termini di punteggio lo zero del Marca.

Testa, Rally del Salento 2024
Testa, Rally del Salento 2024

Primo giro tappa tappa 2

Attacco e contrattacco, tutto lottato sul filo dei decimi al 56° Rally del Salento, 3° round del Trofeo Italiano Rally. Dopo il primo giro di sabato la questione vittoria sembra essersi nuovamente trasformata in uno spettacolare duello, con un grosso colpo di scena a caratterizzare ancor di più la classifica assoluta. Davanti a tutti sta spingendo forte il sempre più carico Giuseppe Testa con Gino Abatecola, cercando di scappare con la Skoda Fabia RS da Luca Pedersoli. Il pilota bresciano infatti a bordo della Citroen Ds3 WRC condivisa assieme a Corrado Bonato, pur non completamente soddisfatto della sua prestazione, sta volando all’inseguimento e dopo circa 40km di gara è appaiato al vertice con un ritardo quasi inesistente, solo 2 decimi. Pedersoli ha fatto lo scratch sulla PS3 “Torre Paduli” e Testa ha risposto poi nella PS5 “Specchia”, rilandicando così al loop finale di prove la lotta per il primo posto.

Un primo grande e pesante colpo di scena è poi arrivato dopo metà della PS5 quando Corrado Pinzano, in coppia con Mauro Turati su Volkswagen Polo e vincitore della PS4, ha forato perdendo oltre 50“ abbandonando così ogni velleità assoluta. Un colpo basso per per il protagonista del Trofeo Italiano Rally considerato il coefficiente maggiorato, e che ora dovrà cercare di limitare i danni. Nella gara di ritorno sta invece, cautamente, prendendo sempre più ritmo Luca Rossetti con Nicolò Gonella alla note di una Skoda Fabia EVO. Il campione europeo al momento è terzo con 15“ da Testa, persi per la maggior parte nella “Torre Paduli”, ma dopo aver trovato la quadra di assetto cercherà senza dubbio di attaccare sulle restanti speciali.

Quarto così siede al momento Simone Miele con Giulia Paganoni, su altra vettura ceca, che dopo aver retto il ritmo ha pagato qualcosa di più sull’ultima prova; ora è maggiormente distaccato dal gruppo di testa ed anzi deve guardarsi le spalle da Francesco Rizzello e Fernando Sorano. L’equipaggio salentino, osannato ad ogni passaggio dal pubblico amico, ha avuto qualche noia ai freni sopratutto nella PS3 dove si è anche girato, ma nonostante ciò ha continuato a spingere ed ora si trova a meno di 10“ da Miele. Dopo Pinzano che è scivolato al sesto posto sta cercando di trovare la quadra Stefano Liburdi, navigato da Valerio Silvaggi su Hyundai i20. Il driver in lotta per la Coppa Rally di 8^ Zona non ha trovato il setup perfetto ed in assistenza ha provato a correggere il tiro. Lotta serrata per la top 10 poi tra gli esperti Silva-Pina e Menegatti-Rutigliano, distanti 1′ dalla vetta e divisi tra loro di 1.3“, con a seguire al decimo posto l’equipaggio della famiglia Nodari.

Nella Suzuki Rally Cup Pellè sta avendo problemi di surriscaldamento, e così il testa a testa per la vittoria si è trasformato in un duello tra Fichera-Manco e Dallapiccola-Andrian. Fichera al momento guida la vetta con 6.7“ ma il giovane under25 leader della classifica sta recuperando terreno, lasciando aperta a molti scenari l’evoluzione finale della gara. In gara per la Coppa ACI Sport Due Ruote Motrici Saresera-Fenoli con la Peugeot 208 al momento inseguono al 3° posto, mentre al vertice scappano Liguori-Nicasti.

Resoconto tappa 1

Hanno illuminato la notte del 56° Rally del Salento Giuseppe Testa e Gino Abatecola, leader del Trofeo Italiano Rally che nella prova spettacolo della “Pista Salentina” hanno subito riacceso il duello per il titolo. Una sfida spettacolare coi fari accesi quella andata in scena oltre la mezzanotte nel “Tacco d’Italia” dopo la partenza di Lecce, con lo scontro ad inseguimento nel kartodromo che ha infiammato il tanto pubblico presente sugli spalti. Dopo ore di febbricitante attesa i più attesi sull’asfalto erano proprio Testa-Abatecola e Corrado Pinzano con Mauro Turati, i primi su Skoda Fabia RS ed i secondi su Volkswagen Polo, e nel doppio giro di pista hanno entrambi più che rispettato le aspettative. Al termine della prima giornata i vincitori dei primi due round del Trofeo Italiano Rally sono distanziati di appena 6 decimi, con Testa che è stato l’unico ad abbattere la barriera dei 2’16. girando in 2’15.6. Un gustoso antipasto la prova spettacolo “Pista Salentina” a cui hanno partecipato però anche Luca Pedersoli con Corrado Bonato, sulla sempre attuale Citroen Ds3 WRC, che hanno fermato il cronometro a 2 decimi da Pinzano.

Domani però la lotta ripartirà da capo con anche Luca Rossetti e Nicolò Gonella su altra Fabia, che con il quarto posto a 9 decimi da Testa sono subito ripartiti con il piede giusto dopo lo scorso anno. Ottima la prestazione anche di Miele-Paganoni a 1“ netto dal podio, seguiti dai primi rappresentanti locali, adorati dalla folla, Rizzello-Sorano. Nelle prime 10 posizioni dopo l’avvio della gara nel cuore di Lecce, avvenuto in pompa magna nella “Signora del Barocco”, si sono poi piazzati tanti dei protagonisti tricolori. Menegatti-Rutigliano sulla Skoda RS hanno girato in 2’18,7, ottenendo il settimo posto davanti a Liburdi-Selvaggi e Silva-Pina. Decimo poi l’equipaggio della famiglia Nodari.

Nella Coppa ACI Sport Due Ruote Motrici l’impegno di Gianluca Saresera e Manuel Fenoli domani dovrà essere doppio perchè i forti equipaggi di zona stanno facendo la differenza: Liguori-Nicastri, Carra-Mezzina e Santantonio-Brigante al momento detengono il podio della classifica, e visto il coefficiente maggiorato per Saresera sarà importante recuperare alla svelta. Precedentemente la PS1 “Torre Paduli” prevista alle 19.53 era invece stata mandata in trasferimento per motivi di sicurezza legati al pubblico.

Partenza Rally del Salento 2024
Partenza Rally del Salento 2024

La partenza del Rally del Salento

La bandiera tricolore ha sventolato dal cuore di Lecce, “La signora del Barocco”, dando ufficialmente il via al 56° Rally del Salento, il terzo appuntamento del Trofeo Italiano Rally organizzato da AC Lecce. Da Piazza Mazzini, addobbata a festa, piena di spettatori e con un rally village pieno di innumerevoli attrattive, i protagonisti della manche salentina hanno sfilato prima di dirigersi verso le prime due prove speciali da affrontare, le uniche della giornata tra le 8 totali. Alle 19.53 infatti, con Testa-Abatecola davanti a tutti, gli 82 iscritti alla gara moderna si cimenteranno nella PS1 “Torre Paduli”, speciale complicata che già potrebbe rivelare non posche sorprese. A seguire poi lo show si sposterà nel kartodromo della Pista Salentina, per una prova spettacolo ad inseguimento che vedrà scontrarsi col cronometro due equipaggi alla volta. Il pubblico riempie già così gli spalti della pista, rispondendo all’attrattiva di una gara unica in tutto il panorama rallistico, che vedrà poi domani la parte più corposa del percorso.

Questa mattina nello shakedown in località Miggiano i protagonisti del Trofeo Italiano Rally avevano tutti spinto forte sin dall’inizio, perchè quel tratto di 2,5km circa sarà poi parte della speciale “Torre Paduli”, con le condizioni dell’asfalto e le particolarità del percorso che saranno dunque le medesime. Luca Pedersoli e Corrado Bonato su Citroen Ds3, Giuseppe Testa con Gino Abatecola su Skoda Fabia RS e un ritrovato Luca Rossetti con Manuel Fenoli. Questi in particolare si erano messi in mostra con tempi attorno al minuto e 26, con Rossetti l’unico a scendere sotto a questo riferimento.

Rally del Salento 2024
Rally del Salento 2024

Così nello shakedown

Si è subito infiammata l’atmosfera del 56° Rally del Salento, con la lo shakedown mattutino che ha alzato il livello della sfida sin dai primi passaggi. In località Miggiano su un tratto di circa 2,5km hanno tutti iniziato a spingere forte, per sfruttare al meglio ogni possibilità in vista della gara. Il percorso di questa manche di test infatti riprende in senso inverso un tratto della PS “Torre Paduli”, un esempio perfetto delle condizioni che gli equipaggi incontreranno lungo la gara, con asfalto scivoloso, strade strette circondate da muretti a secco e vegetazione che nasconde l’interno delle curve. Negli 8 passaggi disponibili si sono subito messi in mostra gli attesi protagonisti del Trofeo Italiano Rally, giunto al terzo round. Luca Pedersoli è ripartito deciso dopo l’ultima gara a Cassino, chiudendo il sesto passaggio in 1’26.2 sulla Citroen Ds3 WRC condivisa assieme a Corrado Bonato. Il leader della classifica assoluta Giuseppe Testa sembra poi aver trovato la quadra con la nuova Skoda Fabia RS, già testata al Marca ma ora più compresa. Con Gino Abatecola il vincitore della Finale Nazionale 2023 ha fermato il cronometro in 1’26.6, ma attenzione che Luca Rossetti è più che in agguato. Il campione europeo ed italiano, salito a bordo di una Skoda Fabia EVO con Nicolò Gonella ed alla prima apparizione tricolore nel 2024, è sceso sotto al minuto e 26, ed avendo un conto in sospeso con il Salento cercherà sicuramente di fare la differenza.

Subito in forma poi anche Pinzano-Turati e Miele-Paganoni, ma oramai il guanto di sfida è gettato per l’azione del pomeriggio. Alle 17.35 infatti i 105 equipaggi iscritti alla gara, tra modernte, storiche e regolarità, passeranno nel cuore di Lecce per una barocca passerella e per la cerimonia di partenza, in vista poi della prima prova speciale. La PS1 “Torre Paduli” infatti aprirà le danze 19.53 con un primo assaggio di 11,3km, a cui seguirà lo spettacolo della SPS2 “Pista Salentina”. Nel kartodromo di Marina di Ugento i protagonisti del 3° round del Trofeo Italiano Rally si sfideranno due a due in una gara col cronometro e ad inseguimento, per dare spettacolo coi fari accesi al pubblico presente sugli spalti a partire dalle 21.45.