,

Diretta CIR, Rally Targa Florio: nel segno di Crugnola-Ometto

Andrea Crugnola, Targa Florio 2024

La 108° edizione della leggendaria Targa Florio ha coronato i suoi vincitori, e tra le scintille delle auto da rally che sfrecciavano sul tracciato, è stata la coppia formata da Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto a conquistare il gradino più alto del podio. A bordo della potente Citroen C3 Rally2 preparata da FPF Sport, hanno dominato la competizione con abilità e determinazione.

Anche con gli occhi di tutti addosso, con la pressione dopo l’errore di Alba, con la consapevolezza di avere rivali d’eccezione e di non poter più sbagliare, Andrea Crugnola e Pietro Ometto hanno dimostrato di essere il riferimento del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco. I campioni in carica sbarcati in Sicilia con la Citroen C3 per la 108^ Targa Florio sapevano di dover correre per vincere, per fugare ogni dubbio possibile su quale fosse il livello del loro pacchetto con Pirelli ed F.P.F Sport; e così hanno fatto.

La gara siciliana, organizzata dall’Automobile Club d’Italia e Automobile Club Palermo, è stata dunque il palcoscenico perfetto per il terzo round del tricolore a coefficiente maggiorato, uno spettacolo di 9 prove durato due giorni che ha portato sull’isola il meglio del rallismo italiano. Dopo 103km sulle leggendarie strade del Circuito delle Madonie tutti affrontati all’attacco, alla fine Crugnola-Ometto hanno conquistato una pesantissima seconda vittoria stagionale, esaltata dal calore del pubblico siculo che per passione, tifo, ed accoglienza ha fatto rivivere alla serie tricolore le emozioni immortali della “Cursa”, l’epica gara più antica del mondo. Una prova di forza iniziata già di venerdì per il pilota varesino, con 3 prove speciali vinte – compresa la power stage “La Generosa” – ed un ritmo che nella giornata di sabato ha piegato la resistenza di uno stoico Giandomenico Basso con altri 4 scratch.

Il leader del CIR in coppia con Lorenzo Granai infatti ha tenuto il ritmo di Crugnola per tutta la gara, inseguendo con la sua Toyota GR Yaris gommata Pirelli per tutta la gara. Con il coltello fra i denti il portacolori ufficiale della casa giapponese ha attaccato in ogni prova, rimanendo sul filo dei decimi e siglando lo scratch anche nella PS5. Nella “Geraci – Castelbuono 1” tuttavia Basso ha leggermente toccato a 3km dal fine prova un terrapieno, perdendo così 4.1“ e permettendo di fatto a Crugnola di allungare per la vittoria fino al vantaggio finale di 15.9“. Una prestazione in crescendo condita dal terzo podio consecutivo stagionale è stata invece quella di Simone Campedelli e Tania Canton, a bordo di una Skoda Fabia RS, che dopo una partenza lenta nella prima parte di gara hanno saputo ripartire con il piede giusto. Dopo alcuni colpi a vuoto nelle prime prove infatti la coppia Campione Asfalto uscente ha trovato tutt’altro ritmo nel giro finale, firmando anche lo scratch nella PS8 e confermandosi così saldamente al 3° posto della Targa Florio con 25.2“ di margine da Crugnola.

Entusiasta Daniele Pelliccioni, team manager di Toyota Gazoo Racing Italy: “La Targa Florio è una gara particolare, abbiamo lavorato per prepararla al meglio mettendo Giandomenico nella condizione di far bene. Le prestazioni dimostrano che ci siamo riusciti per gran parte della gara, ovviamente non è bastato per vincere. Conserviamo comunque la testa del CIAR, continuiamo con lo sviluppo in vista del prossimo appuntamento di Verona”.

L’epica e centenaria “A Cursa” si è dimostrata un momento cruciale nel contesto del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco, portando a una rivoluzione nelle posizioni di classifica. La vittoria di Crugnola ha spostato Campedelli al terzo posto, mentre ha dato nuova linfa vitale alla caccia di Basso da parte del pilota varesino e della sua Toyota. Nel frattempo, la categoria Promozione è stata infiammata dalle sfide avvincenti e dalla determinazione vista in Sicilia, con Scattolon che ha fatto il suo ingresso trionfante su una Citroen C3.

Il talento pavese, in tandem con Zanni, ha dato spettacolo fin dalla qualifica, sfruttando al massimo la sua vettura e resistendo agli attacchi di Avbelj e Adrejka. Allo stesso tempo, la coppia slovena ha dimostrato un notevole recupero, assestandosi al secondo posto nel CIRP e al quinto nell’Assoluto. Signor, con un’altra Skoda, ha invece faticato, nonostante un buon inizio nella power stage. Questa sfida, insieme al successo di Scattolon e al sistema di punteggio della gara, ha riaccendersi la lotta nella Promozione. La competizione per il podio del CIRP è stata altrettanto accesa, con Signor che ha dovuto difendere con un vantaggio esiguo la sua posizione dalla Volkswagen Polo di Re e Vozzo. Nonostante ciò, Signor ha confermato la sua competitività con un ottimo quarto tempo assoluto nella PS6. Mabellini e Lenzi, pur non rimanendo vicini alla testa della classifica, hanno comunque concluso in ottava posizione. Infine, Nucita e Cipriani, su Hyundai, e Andreucci e Briani, su Citroen, hanno chiuso la top 10, mentre Runfola e Raccuia hanno mostrato grande spettacolo con la loro Skoda Fabia Evo, vincendo la Coppa ACI Sport della 9^ Zona. La classifica femminile è stata dominata da Somaschini e Arena su Citroen C3.

Nel contesto dell’affascinante panorama del rally italiano, il Campionato Italiano Assoluto Rally Due Ruote Motrici ha offerto uno spettacolo avvincente e carico di emozioni, con una serie di twist e sorprese che hanno mantenuto gli spettatori con il fiato sospeso. La prima parte della stagione è stata caratterizzata da una grande incertezza, con Christopher Lucchesi ed Enrico Bracchi che sono riusciti a prendere il comando della classifica. Il loro inizio fulminante ha stupito molti, dimostrando una grande abilità di guida e una perfetta sintonia tra pilota e navigatore.

Tuttavia, a emergere come dominatore indiscusso della categoria è stato il campione in carica Gianandrea Pisani, affiancato da Massimo Moriconi. Con una determinazione implacabile e un talento innato, Pisani è riuscito a recuperare lo svantaggio iniziale e a stabilire la sua supremazia in pista. La sua terza vittoria consecutiva non solo lo ha confermato come uno dei migliori piloti della categoria, ma lo ha anche proiettato in solitaria al comando del Campionato, con uno scarto significativo rispetto agli inseguitori.

La lotta per il secondo posto tra le vetture a due ruote motrici è stata altrettanto avvincente, culminando in un duello serrato che ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all’ultimo istante. Lucchesi e Bracchi hanno difeso con tenacia la loro posizione, resistendo agli attacchi di De Antoni e Mauri. Il podio è stato conquistato con un margine esiguo, dimostrando la competitività e la determinazione di entrambi gli equipaggi. La stagione continua a regalare emozioni e sorprese, con ogni gara che promette spettacolo e adrenalina pura. Il Campionato Italiano Assoluto Rally Due Ruote Motrici si conferma così una delle competizioni più avvincenti e imprevedibili nel panorama del motorsport italiano, dove il talento, la strategia e la determinazione sono le chiavi per il successo. Di seguito il dettaglio della gara.

Christopher-Lucchesi-Targa-Florio-2024
Christopher Lucchesi Targa Florio 2024

PS9 Geraci-Castelbuono

Nella 108° edizione della mitica Targa Florio, la coppia composta da Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto ha trionfato sulle curve ardite e veloci del tracciato. Pilotando la potente Citroen C3 Rally2 preparata da FPF Sport, hanno saputo dominare la competizione con maestria e grinta, conquistando così il gradino più alto del podio.

Il secondo passaggio sulla prova speciale “Geraci – Castelbuono” ha svolto un ruolo cruciale nella determinazione del vincitore, con Crugnola che ha già piazzato un tempo impressionante di 8 minuti e 47,5 secondi al primo passaggio. Tuttavia, l’ultima prova non ha fatto che aggiungere suspense e tensione all’evento, con sfide avvincenti che hanno tenuto tutti con il fiato sospeso.

Nel Campionato Italiano Rally (CIAR), la battaglia per la supremazia è stata intensa: Crugnola ha difeso la sua posizione di leader con un vantaggio di 10,0 secondi su Giandomenico Basso e di 24,1 secondi su Simone Campedelli. Nel Campionato Italiano Rally Piloti (CIRP), il comando è stato detenuto da Scattolon con 5,6 secondi su Avbelj, 21,7 su Signor e 27,9 su Alessandro Re. Mentre nel CIAR 2 RM, Pisani ha mantenuto il controllo con un margine di 11,4 secondi su Lucchesi e 14,4 su De Antoni.

Ma alla fine è stato Crugnola a emergere trionfante, con un’ultima prova spettacolare che lo ha visto tagliare il traguardo in soli 8 minuti e 45 secondi, assicurandosi sia la vittoria nella prova che nella competizione nel suo complesso. Dietro di lui, Giandomenico Basso e Lorenzo Granai su Toyota GR Rally2 T-Racing hanno lottato con tutte le loro forze, terminando al secondo posto a 15,9 secondi di distacco. Mentre Simone Campedelli e Tania Canton su Skoda Fabia RS di Step Five hanno conquistato il terzo gradino del podio, a 25,2 secondi dal vincitore.

Questa vittoria non solo sancisce il talento e la determinazione di Crugnola e Ometto, ma aggiunge un altro capitolo glorioso alla storia della Targa Florio, confermandola come una delle competizioni automobilistiche più prestigiose e avvincenti al mondo.

PS8 Scillato-Polizzi 2

È stata una gara tutta in crescendo quella di Simone Campedelli e Tania Canton, condita adesso nella PS8 “Scillato Polizzi” da un crono devastante che gli è valso il miglior tempo. Il driver cesenate alla lunga, nonostante una prestazione complessiva non tra le sue migliori, è riuscito a trovare un ritmo vincente ed adesso siede al terzo posto ad una prova dalla fine. Il testa a testa tra Crugnola e Basso rimane inalterato dopo i 15km della PS8, con il pilota su Citroen C3 che ha fatto il 2° posto e che ora ha un margine di 10.1“ sulla Toyota.

La lotta per il Campionato Italiano Rally Promozione è invece ancora incerta con Scattolon-Zanni che vincendo la classifica di questa speciale hanno risposto all’attacco precendete di Avbelj-Andrejka, ed ora a 15km dall’arrivo hanno 5.6“ di vantaggio.

PS7 Targa 2

L’ultimo giro di prove della “Cursa” 2024 si apre nuovamente nel nome di Crugnola-Ometto, che anche sulla PS7 “Targa” di 10km hanno fatto registrare il miglior tempo, abbassando il loro stesso crono precedente di 8 decimi. Il campione in carica così ha ulteriormente aumentato il suo vantaggio sulla Toyota di Basso-Granai, che adesso inseguono con 9.5“ di ritardo. La Citroen C3 di Crugnola quindi ora ha un buon margine, ma con 40km di speciali al termine tutto può ancora succedere.

L’equipaggio ufficiale Toyota ha chiuso con il 3° tempo la PS7, mentre a riaccendersi sono stati Campedelli-Canton con un riferimento cronometrico a 1.1“ da Crugnola. Il duo su Skoda Fabia RS ha così chiuso la sfida per il podio assoluto, guadagnando diversi secondi su tutti gli altri sfidanti. Piano piano invece Avbelj-Andrejka hanno trovato il ritmo per recuperare ed andare ad attaccare la prima posizone del Campionato Italiano Rally Promozione: grazie al 4° assoluto si è molto avvicinato ai leader della classifica Scattolon-Zanni, che quindi adesso dovranno accellerare per provare a difendere il grande risultato ottenuto finora.

Giandomenico Basso, Targa Florio 2024
Giandomenico Basso, Targa Florio 2024

Analisi prima parte Tappa 2

Sembrava che Giandomenico Basso, Lorenzo Granai e la Toyota potessero riuscire a rimanere sul filo dei decimi ancora a lungo nella sfida della “Cursa”, ma nella PS6 “Geraci Castelbuono” Andrea Crugnola e Pietro Ometto hanno fatto un capolavoro, dando sulla loro Citroen C3 una potente zampata al cronometro e rifilando ai portacolori della vettura giapponese 4.1“. La coppia di duellanti prima di questa prova speciale era in piena bagarre per la vittoria della 108^ Targa Florio, con affondi ed attacchi in ogni speciale ed un distacco di appena 2.9“. Basso addirittura aveva vinto la PS5 di mezzo secondo, ma poi a 3km dalla fine della “Geraci Castelbuono” ha preso un terrapieno perdendo secondi preziosi, mentre Crugnola ha fatto la differenza con un tempo straordinario, 8’47.5, una prova di forza che gli ha permesso di allungare fino a 7“ di margine. Se non fosse stato per quell’intoppo di Basso forse la Targa adesso sarebbe ancor più tirata, questione di decimi, mentre invece ora il campione in carica su Citroen a 40km dall’arrivo si è messo da parte un cuscinetto di secondi da poter sfruttare sul finale. Terzo pur in una gara non particolarmente brillante si sta confermando sul podio del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco Simone Campedelli navigato da Tania Canton, a bordo di una Skoda Fabia RS e con 23.2“ di margine da Crugnola.

Nel corso della mattinata il Campione Asfalto uscente è riuscito poco alla volta a togliersi di dosso l’ombra di Giacomo Scattolon e Gabriele Zanni, su altra Citroen C3, che hanno così perso contatto dal podio assoluto ma che con questo 4° posto a 27.5“ si stanno lanciando nel Campionato Italiano Rally Promozione. Il pilota pavese, che finora sta centrando la sua migliore prestazione stagionale, vede però recuperare terreno alle sue spalle l’equipaggio sloveno composto da Bostjan Avbelj e Damijan Andrejka. I campioni Promozione in carica si sono svegliati con un piglio decisamente diverso questa mattina, più rapido e deciso, e così hanno iniziato a far registrare crono interessanti che ora li hanno avvicinati a Scattolon di 5.7“. Un poco più staccati dopo questi 40km mattutini Signor-Michi, leader fino a questa gara del Promozione ma che sulle difficili prove che ripercorrono a tratti il leggendario Circuito delle Madonie hanno accumulato 14.7“ da Scattolon, oltre 42“ da Crugnola, piazzandosi al momento al 6° posto assoluto, 3° del CIRP. La sfida per il podio del Promozione è tuttavia ancora aperta perché il vantaggio di Signor sulla Volkswagen Polo di Re-Vozzo è di 6,5“ ed in diminuzione dopo l’ottimo quarto tempo assoluto fatto registrare dal comasco, che si conferma protagonista di questa lotta alle prime posizioni. Chiudono poi la top10 assoluta i portacolori di MRF Tyre Anreucci-Briani (Citroen C3) e Mabelini-Lenzi (Skoda Fabia RS), non in grado di fare la differenza in questa seconda giornata della “Cursa”, seguiti dalla Hyundai di Nucita-Cipriani.

Nella sfida del Campionato Italiano Assoluto Rally Due Ruote Motrici invece davanti a tutti, dopo una parentesi che aveva visto imporsi Lucchesi-Bracchi, c’è tornato il campione in carica Gianandrea Pisani navigato Massimo Moriconi. Il lucchese delle tre prove di stamattina ne ha vinte due, riprendendo così ben 9.7“ di vantaggio proprio su Cristopher Lucchesi ed Enrico Bracchi, che anzi adesso devono difendersi dall’arrembaggio di De Antoni-Mauri. Quest’ultimi, in un podio di sole Peugeot 208, hanno infatti siglato lo scratch nella PS6 ed ora si sono avvicinati a 3.1“. Per quanto riguara la Coppa Rally di 9^ Zona in testa c’è al momento Marco Runfola in coppia con Sergio Raccuia, su Skoda Fabia RS.

CLASSIFICA ASSOLUTA DOPO LA PS6: 1. CRUGNOLA-OMETTO (Citroen C3) in 37’45.0; 2. BASSO-GRANAI (Toyota Gr Yaris) a 7.0; 3. CAMPEDELLI-CANTON (Skoda Fabia RS) a 23.2; 4. SCATTOLON-ZANNI (Citroen C3) a 27.5; 5. AVBELJ-ANDREJKA (Skoda Fabia RS) a 33.3; 6. SIGNOR-MICHI (Skoda Fabia RS) a 42.2; 7. RE-VOZZO (Volkswagen Polo Gti) a 48.8; 8. ANDREUCCI-BRIANI (Citroen C3) a 53.1; 9. MABELLINI-LENZI (Skoda Fabia RS) a 55.3; 10. NUCITA-CIPRIANI (Hyundai I20 N) a 58.6; 11

PS6 Geraci-Castelbuono 1

La giornata di prova ha avuto un inizio ritardato a causa delle operazioni di messa in sicurezza del tracciato. Tuttavia, una volta iniziata, i piloti si sono confrontati con una pista impegnativa e scivolosa.

Il primo a partire è stato Andrea Nucita, che ha segnato un tempo di 9:02.3, descrivendo la sua prestazione come un disastro sotto ogni aspetto, con difficoltà a trovare il giusto feeling.

Successivamente, altri piloti hanno affrontato la prova, con risultati altalenanti. Alcuni, come Simone Campedelli con un tempo di 8:53.5, hanno elogiato la sfida impegnativa e completa della pista, mentre altri, come Nicola Sartor con un tempo di 9:20.2, hanno avuto qualche incidente senza gravi conseguenze.

Il miglior tempo è stato ottenuto da Andrea Crugnola con 8:47.5, che ha definito la sua prova discreta e ha attribuito il miglioramento al cambio nel setup della macchina.

Altri piloti hanno riportato tempi competitivi, come Giandomenico Basso con 8:51.6 e Giacomo Scattolon con 8:56.2, mentre alcuni hanno avuto difficoltà maggiori, come Marco Runfola con 9:12.0, che ha sottolineato l’inesperienza sulla pista.

Non sono mancati i commenti positivi, come quello di Gaspare Agrò con un tempo di 9:40.6, che si è detto contentissimo della sua prestazione.

Tuttavia, la giornata non è stata priva di incidenti, come quello che ha coinvolto il pilota Bruno, che ha causato l’interruzione temporanea della prova.

In attesa dei tempi ufficiali, i piloti hanno espresso una varietà di opinioni sulla prova, con alcuni che si sono detti soddisfatti del loro rendimento e altri che hanno riconosciuto la difficoltà della pista.

Una volta resi noti i tempi ufficiali, sarà possibile stabilire la classifica definitiva e valutare le prestazioni complessive dei partecipanti.

PS5 Scillato-Polizzi 1

Il Rally Targa Florio 2024, nella PS5 Scillato-Polizzi 2, ha visto i migliori piloti del Campionato Italiano Rally mettersi alla prova su un tratto cronometrato impegnativo, con Andrea Nucita che ha dato il via alle prove speciali alle 9:28.

Ecco i commenti dei piloti raccolti da Aci Sport TV, ordinati in base ai migliori tempi registrati:

  1. Giandomenico Basso: 9:19.4 – “Dobbiamo lottare con questo chilometraggio, peccato perché le prove lunghe sono bellissime. Abbiamo spinto sulla Targa, questa speriamo bene.”
  2. Andrea Crugnola: 9:20.1 – “Siamo lì, bisogna stare sul pezzo. È sempre stato così.”
  3. Bostjan Avbelj: 9:23.9 – “Abbiamo il setup giusto, ora dobbiamo sistemare la nostra guida, il feeling non è male.”
  4. Simone Campedelli: 9:24.7 – “Stamattina meglio, piccole modifiche, soddisfatto.”
  5. Giacomo Scattolon: 9:24.4 – “Sulla prima ho fatto un errore e ho perso un paio di secondi, qui ho cercato di limitarmi un po’. Per intanto bene.”
  6. Marco Signor: 9:27.4 – “Stiamo spingendo tutti, io ho faticato verso la fine, forse ho scaldato troppo le gomme.”
  7. Alessandro Re: 9:30.1 – “Sto provando a buttarmi dentro, forse ogni tanto siamo un po’ sporchi, ma scivola parecchio per tutti. Ho molto fiducia in tutto, vediamo se riusciamo a migliorare, gli altri vanno veramente forte.”
  8. Andrea Mabellini: 9:30.8 – “Speravamo meglio, va bene così per il momento, abbiamo sicuramente migliorato rispetto a ieri, andiamo avanti per questa strada che sarà quella giusta, sono sicuro.”
  9. Andrea Nucita: 9:35.9 – “Non ho il ritmo giusto, abbiamo fatto modifiche importanti, abbiamo risolto qualche problema ma ne abbiamo acquisito altri. Sono abbastanza lento.”
  10. Rudy Michelini: 9:37.0 – “La prima non bene, c’era meno grip rispetto a ieri, questa già meglio, ho fatto qualche regolazione e me la sentivo meglio.”
  11. Paolo Andreucci: 9:33.6 – “Ho cambiato un po’ di soluzioni ma non stanno andando bene. Non sono soddisfatto oggi.”

Questi commenti mostrano l’esperienza e la determinazione dei piloti mentre affrontano le sfide del Rally Targa Florio, dimostrando il loro impegno nel lottare per la vittoria.

PS4 Targa 2

L’emozione è palpabile al Rally Targa Florio 2024, con la lotta per la vittoria che si accende sin dalle prime battute. Crugnola-Ometto hanno conquistato la PS4 con appena mezzo secondo di margine su Basso Granai, mettendo subito in mostra la loro determinazione. Attualmente, il campione in carica ha un vantaggio di 3.6 secondi sul leader del CIR, un distacco minimo che promette uno spettacolo avvincente. Il terzo tempo in questa prova iniziale è stato nuovamente conquistato da Campedelli-Canton, che ora si trovano leggermente distanziati nella lotta per il podio da Scattolon-Zanni, leader del CIRP, ma con un ritmo solido.

La mattina ha visto anche il risveglio dei campioni Promozione Avbelj-Adnrejka, che hanno ottenuto il 4° tempo, dimostrando di essere ancora forti contendenti per la vittoria. Con una gara così serrata e imprevedibile, ogni momento conta e ogni dettaglio può fare la differenza. Gli appassionati di rally possono aspettarsi emozioni forti e azione avvincente mentre la lotta per la supremazia continua a infiammare le strade della Targa Florio.

Parte la Tappa 2 finale

Nel cuore della Sicilia, al sorgere del sole, gli equipaggi del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco hanno iniziato la loro seconda giornata di sfide nella leggendaria Targa Florio. Una leggera coperta di nuvole mattutine ha accompagnato i piloti mentre uscivano dal parco chiuso notturno e si preparavano per affrontare altre sei prove speciali. Dopo una prima parte di gara intensa e avvincente, che ha visto i concorrenti cimentarsi su tratti cronometrati impegnativi, oggi è il momento di affrontare ulteriori sfide. Il percorso, lungo oltre 50 chilometri e che ripercorre il leggendario circuito delle Madonie, presenta tre prove speciali da ripetere due volte per un totale di 103 chilometri cronometrati.

La classica PS “Targa”, lunga 10 chilometri, sarà la prima a mettere alla prova gli equipaggi alle 08:58 e poi di nuovo alle 15:01. Seguirà la PS “Scillato Polizzi”, una prova di 15 chilometri, prevista per le 09:28 e le 15:31. Infine, la conclusiva PS “Geraci-Castelbuono” verrà affrontata alle 10:36 e alle 16:39, portando la giornata ad una conclusione epica.

I piloti si preparano ad affrontare le sfide con determinazione e coraggio, pronti a dare il massimo sulle strade tortuose e impegnative della Targa Florio. Gli appassionati possono attendersi una giornata di grande emozione e azione, con ogni curva e ogni rettilineo che potrebbe fare la differenza tra la vittoria e la sconfitta.

Intervista di Andrea Ippolito

Analisi Tappa 1 del Rally Targa Florio 2024

Solo tre prove speciali sono bastate per far emergere tutta la grandezza e l’unicità della 108ª edizione della Targa Florio, definita con orgoglio “A Cursa”, “La Corsa”, un evento senza paragoni. Il Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco ha fatto tappa in Sicilia per il suo terzo round, accogliendo un caloroso benvenuto da parte di un’isola in festa, pronta ad abbracciare lo spettacolo e l’azione della serie tricolore.

La lotta per la vittoria e per il podio, così come nelle varie classifiche, si è rivelata intensa già dopo poco più di 20 chilometri. Al vertice dell’Assoluto, a dimostrare la loro indiscussa forza tecnica e mentale, troviamo ancora una volta Andrea Crugnola e Pietro Ometto, a bordo della Citroën C3 del team F.P.F Sport, equipaggiata con pneumatici Pirelli. I campioni in carica e vincitori dell’ultima edizione della Targa Florio hanno subito riscattato l’errore di Alba, vincendo tutte e tre le prove speciali, inclusa la power stage “La Generosa”.

Il pilota varesino, nel frastuono delle folle, dei fumogeni e dei tifosi, ha ottenuto il miglior tempo nella prova spettacolo con 1’29.139, chiudendo così la prima giornata di gara con un vantaggio di 3.1 secondi e aggiudicandosi 2 punti in più in classifica. Il margine guadagnato dal campione non è poi così ampio, poiché è inseguito a breve distanza dai leader del CIAR Sparco, Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, portacolori ufficiali di Toyota con la loro GR Yaris. Basso ha perso terreno proprio sull’ultima delle tre prove speciali, mentre nella seconda “Scillato” si è fermato a soli 0.1 secondo dal tempo di Crugnola.

Non poteva poi mancare all’appello dei migliori, in una gara che è sinonimo di leggenda, il campione Paolo Andreucci, affiancato da Rudy Briani su altra Citroen C3. Un ottimo avvio lo ha portato a scalare la classifica fino alla terza posizione, prima di ricevere una penalità di 10“ per eccesso di velocità registrato all’interno della slow-zone presente nella PS2, episodio che lo ha fatto scivolare all’ottavo posto.

Rispetto alle prestazioni precedenti, Simone Campedelli, affiancato da Tania Canton su un’altra vettura ceca, ha incontrato maggiori difficoltà. Il Campione Asfalto uscente è scivolato dal duello per la vittoria ed è attualmente terzo, impegnato nella battaglia per il podio Assoluto, a pari merito con un risollevato Giacomo Scattolon.

Campedelli, insieme a Gabriele Zanni sulla Citroën C3 del team F.P.F, aveva iniziato la giornata con il miglior tempo nelle qualifiche e ha continuato a confermare le sue prestazioni durante la gara, ottenendo un super crono anche nella power stage “La Generosa”. Il terzo tempo nella SPS2 gli ha valso la vetta nel Campionato Italiano Rally Promozione, aggiudicandosi anche 1,5 punti dalla power stage e portandosi a soli 10.9 secondi da Crugnola.

Il campione in carica del CIRP, Bostjan Avbelj, ha invece perso terreno rispetto a Scattolon e, con Damijan Andrejka come co-pilota su un’altra vettura ceca, si trova al quinto posto, a 18.1 secondi dal leader. Dopo due uscite sfortunate, il toscano Rudy Michelini, affiancato da Nicola Angilletta, ha guadagnato posizioni, raggiungendo il terzo posto nella classifica Promozione a pari merito con Marco Signor e Daniele Michi. Entrambi gli equipaggi su Skoda si trovano a 19.8 secondi dal vertice, ma Signor ha ottenuto il punteggio pieno dalla power stage.

Al nono posto di questa prima giornata alla Targa Florio troviamo il siciliano Andrea Nucita, in coppia con Mattia Cipriani su Hyundai i20, accolto dagli applausi ad ogni curva. Per il vincitore della Targa Florio nel 2018, questa gara di casa rappresenta il ritorno alla normalità dopo l’incidente di Alba, e il suo obiettivo principale è ritrovare fiducia e feeling. Infine, chiudono la top 10 Re-Vozzo su Volkswagen Polo, al quinto posto nel CIR Promozione.

Nel Campionato Italiano Rally Due Ruote Motrici è lotta aperta come mai visto finora, e per la prima volta in cima alla classifica c’è Christopher Lucchesi in coppia con Enrico Bracchi, grazie ad un gran tempo sulla Scillato che gli ha permesso di superare Gianandrea Pisani. Il campione lucchese in carica affiancato da Massimo Moriconi ha vinto la prima e la terza prova, ma nonostante ciò insegue Lucchesi di 7 decimi, per un duello che promette domani ancor più scintille. Terzi in una categoria gremita di Peugeot 208 al momento siedono Edoardo De Antoni e Federica Mauri, comunque molto vicini a 5.2“ dal leader.

image00005

PS3 La Generosa 1

Nella terza prova del Rally Targa Florio, i piloti hanno affrontato una sfida emozionante e ad alta velocità sulle tortuose strade siciliane. Con la tensione palpabile nell’aria, ogni secondo è stato cruciale mentre i concorrenti hanno cercato di dimostrare la propria abilità e conquistare la vetta della classifica. Andrea Crugnola ha una volta dimostrato la sua superiorità, stabilendo un tempo mozzafiato di 1:29.139 e confermandosi come il pilota da battere in questa competizione. Il suo stile di guida aggressivo e preciso lo ha portato in testa alla classifica, mettendo pressione sui suoi rivali e lasciando poco spazio per gli errori.

Marco Signor ha impressionato con un solido secondo posto, registrando un tempo di 1:30.121. La sua guida determinata e costante gli ha permesso di assicurarsi un posto sul podio, dimostrando la sua competitività in mezzo a una concorrenza agguerrita. Giacomo Scattolon lo ha seguito da vicino, con un tempo di 1:30.214, conquistando il terzo gradino del podio e consolidando la sua posizione tra i migliori piloti del rally.

Bostjan Avbelj, Giandomenico Basso e Simone Campedelli hanno tutti registrato tempi vicini, confermando la loro competitività e determinazione sulla pista. Con tempi rispettivamente di 1:30.395, 1:30.531 e 1:30.953, questi piloti hanno lottato serrato per ogni curva e rettilineo, dando vita a uno spettacolo emozionante per gli appassionati presenti lungo il percorso. Andrea Nucita, Nicola Sartor e Ivan Ferrarotti hanno completato la top ten, mostrando abilità e coraggio nella loro sfida contro il cronometro. Con tempi ravvicinati di 1:31.162, 1:31.797 e 1:31.915, hanno dimostrato di essere pronti a lottare per le posizioni di vertice in ogni momento della gara.

Marco Runfola, Andrea Mabellini, Paolo Andreucci e Antonio Rusce hanno chiuso la classifica, con tempi rispettivamente di 1:32.029, 1:32.094, 1:32.355 e 1:32.640. Nonostante le sfide incontrate lungo il percorso, questi piloti hanno dimostrato impegno e determinazione, guadagnandosi il rispetto dei loro rivali e degli appassionati.

Power Stage CIR: 1. Crugnola (2 punti) 2. Signor (1,5 punti) 3. Scattolon (1 punto).
Power Stage CIRP: 1. Signor (2 punti) 2. Scattolon (1,5 punti) 3. Avbelj (1 punto).

Classifica CIR dopo la Power Stage: 1. Basso (27) 2. Campedelli (23) 3. Crugnola (21) 4. Signor (18,5) 5. Scattolon (12).
Classifica CIRP dopo la Power Stage: 1. Signor (34) 2. Scattolon (23,5) 3. Re (14).

PS2 Scillato

Nella seconda prova del rally, la PS2 Scillato-Polizzi, i piloti hanno affrontato una sfida serrata e adrenalinica lungo il tracciato, concludendo con un finale ad alta tensione nella Power Stage “La Generosa”. Il percorso, che ha visto le vetture affrontare una serie di curve impegnative e tratti veloci, ha messo alla prova le abilità di guida dei partecipanti, mentre i fan appassionati si sono stretti al bordo della strada per cogliere ogni istante dell’azione.

Il leader della PS2, Andrea Crugnola, ha dimostrato una prestazione straordinaria, stabilendo un tempo record di 6:51.8. Il suo stile di guida impeccabile e la determinazione lo hanno portato in testa alla classifica, confermandosi come uno dei contendenti più temuti del rally. Ma il suo margine di vantaggio è stato minimo, con Giandomenico Basso a soli 0.1 secondi di distanza. Basso ha dimostrato una guida aggressiva e precisa, mettendo in mostra tutto il suo talento sulle strade impegnative di Scillato.

Alle loro spalle, Paolo Andreucci si è distinto con un tempo di 6:52.8, mantenendo viva la lotta per il podio. L’esperienza e la destrezza di Andreucci sono emerse nel corso della prova, confermandolo come uno dei veterani più competitivi del rally. Giuacomo Scattolon ha impressionato con un solido tempo di 6:54.3, mantenendo la pressione sui piloti di testa. Simone Campedelli, con un tempo di 6:55.2, ha mostrato una guida determinata e aggressiva, conquistando preziosi punti nella battaglia per le posizioni di vertice. Bostjan Avbelj e Marco Signor hanno entrambi ottenuto tempi rispettabili, con Avbelj a 7:01.9 e Signor a 7:02.0, dimostrando la loro costanza e determinazione lungo il percorso.

Antonio Rusce, Andrea Nucita e Andrea Mabellini hanno seguito da vicino, con tempi ravvicinati di 7:02.8, 7:03.4 e 7:04.1 rispettivamente. La concorrenza è stata intensa tra questi piloti, ognuno determinato a guadagnare vantaggio sulla pista. Marco Runfola, Ivan Ferrarotti e Nicola Sartor hanno completato la classifica della PS2, con tempi di 7:05.4, 7:10.8 e 7:11.6. Nonostante le sfide incontrate lungo il percorso, questi piloti hanno dimostrato impegno e perseveranza, guadagnandosi il rispetto dei loro rivali e degli spettatori.

Con la conclusione della PS2, l’attenzione si sposta ora alla Power Stage “La Generosa”, dove i piloti avranno un’ultima opportunità per conquistare punti preziosi e dimostrare la propria abilità. La competizione è ancora aperta e ogni secondo conta in questa battaglia epica lungo le strade di Scillato.

PS1 Targa 1

Se qualcuno avesse avuto dubbi sulla loro forza, Crugnola-Ometto hanno subito risposto: nella prova inaugurale della 108^ Targa Florio sono stati loro a stampare il miglior tempo. In 10km netti il campione in carica e vincitore della scorsa edizione della “Cursa” ha girato in 5’38.8, piazzandosi subito davanti a tutti. Il primo ad inseguirlo pur nella continua scoperta della nuova Toyota è ancora Giandomenico Basso affiancato da Lorenzo Granai, che al termine della PS1 ha pagato solo 1.7“ dal varesino, confermandosi nuovamente duellante per il titolo. Un poco più staccati Campedelli-Canton su Skoda Fabia RS, a 5.7“, che con il terzo posto pronti via hanno subito riacceso quella che è stata nei primi due appuntamenti del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco la sfida per il podio.

Intervista di Andrea Ippolito

La qualifying stage è di Scattolon

“A Cursa” si è aperta questa mattina con le qualifiche, una sessione riservata agli equipaggi su Rally2 di vera azione, un primo momento per i protagonisti del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco per iniziare a spingere forte. Il migliore nel tratto di 2,25 km in località Polizzi Generosa è stato Giacomo Scattolon navigato da Gabriele Zanni, su Citroen C3, che ha fermato il cronometro in 1’30.224. Una grande prestazione del pavese che si conferma in continua crescita con il nuovo pacchetto messo a disposizione da F.P.F, e che si pone così come riferimento iniziale per questa 108^ Targa Florio. Tanto pubblico già di primo mattina nel comune di Polizzi Generosa, con il cartello “Benvenuta Targa Florio” e le ovazioni della popolazione che hanno salutato ogni passaggio dei protagonisti, in pieno stile della gara siciliana per calore ed accoglienza popolare. La sfida col cronometro nelle qualifiche è stata particolarmente accesa, con i primi 7 equipaggi racchiusi in 7 decimi. Secondo dopo la Citroen di Scattolon ha girato il leader del Campionato Italiano Rally Promozione Marco Signor, in coppia con Daniele Michi su Skoda Fabia RS, partito subito carico sin dall’inizio a 391 millesimi dal miglior tempo. A 0.55“ da lui l’equipaggio composto da Bostjan Avbelj e Damijan Andrejka, su altra vettura Ceca, in un duello per il CIRP che si accende così già ancor prima della bandiera tricolore.

Solamente 42 millesimi separano il tempo del Campione Promozione sloveno in carica dal riferimento di Campedelli-Canton, seguiti a 8 millesimi dai leader dell’Assoluto Basso-Granai su Toyota. Si qualificano poi con la sesta piazza Mabellini-Lenzi, da poco rientrati dall’esperienza nell’Europeo, con Re-Vozzo su Volkswagen settimi a 0.746“ da Scattolon. Chiudono le prime 10 posizioni, dunque quelle utili per poter scegliere la propria posizione tra le prime 10 dell’ordine di partenza di domani, Ferrarotti, Nucita e Michelini. Out invece dai migliori i due campioni Crugnola ed Andreucci, con il primo che ha avuto una problema nella prima curva ed il secondo che, essendosi spenta la vettura in partenza, ha perso diversi secondi.

Simone Campedelli, Rally Targa Florio
Giacomo Scattolon, Rally Targa Florio

Questa dunque la top 10 della qualifying stage della 108^ Targa Florio:

  1. SCATTOLON-ZANNI (Citroen C3) in 1’30.224;
  2. SIGNOR-MICHI (Skoda Fabia RS) a 0.391;
  3. AVBELJ-ANDREJKA (Skoda Fabia RS) a 0.550;
  4. CAMPEDELLI-CANTON (Skoda Fabia RS) a 0.592;
  5. BASSO-GRANAI (Toyota Gr Yaris) a 0.600;
  6. MABELLINI-LENZI (Skoda Fabia RS) a 0.698;
  7. RE-VOZZO (Volkswagen Polo Gti) a 0.746;
  8. FERRAROTTI-FENOLI (Skoda Fabia Evo) a 1.054;
  9. NUCITA-CIPRIANI (Hyundai I20 N) a 1.091;
  10. MICHELINI-ANGILLETTA (Skoda Fabia RS) a 1.11
Andrea Crugnola, Targa Florio
Andrea Crugnola, Targa Florio

Cosa aveva detto Crugnola sulla Targa Florio

“La Targa Florio ha un valore importantissimo, speciale. È la gara più antica del mondo e ogni anno raccoglie tantissimi appassionati attorno al percorso. In più in Sicilia c’è una passione particolare, anche noi partecipanti sentiamo un calore diverso che caratterizza la gara. Anche personalmente ho tanti sostenitori da quelle parti dato che sono diversi anni che partecipo alla gara. È fantastico tornarci tutte le volte, anche perché c’è un territorio bellissimo oltre il percorso e, da non sottovalutare, specialità e cibo che vale la pena mangiare nonostante ti facciano tornare a casa sempre con qualche etto in più. La prima vittoria è stata speciale, anche perché inaspettata. In precedenza avevo vinto qualche prova, ma non ci ero mai andato abbastanza vicino, invece quell’anno riuscimmo a centrare il primo posto anche grazie ad una serie di coincidenze. Anche lo scorso anno è stata una bella soddisfazione, perché ripetersi non è mai banale ed in quel caso siamo riusciti a spuntarla dopo una battaglia sul filo dei decimi. Si tratta di una gara particolare, con le sue caratteristiche e peculiarità. Non è mai semplice essere veloce. Più o meno conosco tutte le prove, ma devo ammettere che la “Targa” è quella che mi piace di più. Bisogna essere molto bravi a far scorrere la macchina e chirurgici nelle staccate: è sicuramente la mia preferita”.