,

Dakar: pilota sotto shock per l’incidente in cui è morto un torinese

incidente mortale dakar

Livio Fassinotti, 69 anni, di None, che si trovava dietro a una duna per scattare alcune fotografie. Purtroppo è stato travolto da un camion che, sbucando da dietro la duna, non l’ha visto. Fassinotti è stato trasportato in ospedale, ferito, in elicottero. Ma purtroppo è deceduto.

“Vorrei esprimere le mie condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici. Sono terribilmente dispiaciuto per quanto accaduto. Mi perseguiterà per il resto della mia vita”. Sono le parole pronunciate in un video pubblicato sui social dal pilota ceco Ales Loprais che, dopo l’incidente mortale occorso alla Dakar, come ha annunciato l’organizzazione della Parigi-Dakar, si è ritirato.

“Devastato dallo sfortunato incidente”, si legge sulle pagine social. Il pilota ceco si è subito reso disponibile a supportare le autorità locali nelle loro indagini. Di conseguenza non ha potuto continuare la gara. Gli organizzatori del rally si uniscono a lui nel porgere le loro condoglianze alla famiglia e agli amici dello spettatore torinese deceduto.

“Una vita umana è stata sprecata e la colpa è mia perché stavo guidando”, ha aggiunto Loprais. Nei commenti sotto il post i suoi fan invece lo scagionano, dando la colpa di quanto accaduto alla vittima. Per chi non fosse aggiornato, il 10 gennaio 2023 un turista torinese è morto dopo essere stato travolto durante la nona tappa del rally della Dakar 2023 tra Riad e Harad, in Arabia Saudita.

Si tratta di Livio Fassinotti, 69 anni, di None, che si trovava dietro a una duna per scattare alcune fotografie. Purtroppo è stato travolto da un camion che, sbucando da dietro la duna, non l’ha visto. Fassinotti è stato trasportato in ospedale, ferito, in elicottero. Ma purtroppo è deceduto.

L’ambasciata italiana a Riad è in contatto con la famiglia. Secondo quanto appreso da alcune persone al seguito della Dakar, Fassinotti si sarebbe accucciato dietro a una duna per effettuare alcuni scatti fotografici, rendendosi praticamente invisibile al pilota del camion: quando il pesante mezzo ha oltrepassato l’ostacolo, ha sollevato un’enorme nube di sabbia e chi era al volante non si sarebbe accorto di averlo investito. Queste sono le prime ricostruzioni dell’accaduto.

RS è in edicola tra il 5 e il 7 di ogni mese

RS

12 numeri all’anno, più di 120 pagine di novità ogni mese, test, inchieste, interviste, reportage, amarcord e storie. Siamo solo nelle migliori edicole di tutta Italia

I lettori possono prenotare RS direttamente tramite l’edicola, che può richiederlo a MePe Distribuzione di giornali, riviste e periodici