,

Dakar 2024, percorso e iscritti

Saranno ancora i deserti dell’Arabia Saudita i protagonisti principali della Dakar 2024, tanti i pretendenti alla vittoria finale.

L’edizione numero 46 della Dakar, si disputerà per la quinta volta consecutiva nei deserti dell’Arabia Saudita. Saranno dodici (più un prologo) le tappe di questa Dakar 2024, che si snoderà lungo un percorso di 7.891 chilometri, di cui 4.727 contro il cronometro. Tante le novità per questa edizione 2024, tra cui la massacrante prova marathon di oltre 580 chilometri cronomerati.

La gara partirà da Al’Ula e arriverà a Yanbu, sulle rive del Mar Rosso e vedrà sfidarsi un esercito di 778 concorrenti. Il percorso si annuncia duro e ricco di mille difficoltà con la “Marathon” che sarà la tappa principe dell’intera manifestazione con i suoi 584 chilometri cronometrati. La speciale sarà divisa in due giornate, gli equipaggi partiranno al mattino e si fermeranno alle ore 16 locali in uno dei bivacchi allestiti in otto diversi punti del percorso per poi riprendere la gara alle ore 7 del mattino successivo.

Sono 778 i concorrenti iscritti alla gara, suddivisi nelle varie categorie. Di questi 137 sono iscritti tra le moto, 153 tra le auto di tutte le categorie, 46 tra i camion, 10 tra i quad, 80 tra i veicoli classici e 10 tra i veicoli Dakar Future.

Tra le moto spiccano i nomi dall’argentino Kevin Benavides (vincitore 2023), del britannico Sam Sunderland, dell’australiano Toby Price e dal cileno Pablo Quintana.

Grandi sfide attese tra le auto: il team Bahrein schiera due Hunter BRX affidandole a Nasser Al-Attiyad (vincitore 2023) e al francese Sébastien Loeb. In casa Toyota il team belga Overdrive Racing schiererà sette Hilux, al volante tra gli altri il saudita Yazeed Al-Rajhi e il belga Guillame De Mevius. Il team ufficiale Toyota affiderà le sue vetture al sudafricano Giniel de Villiers e al brasiliano Lucas Moraes. In cerca di riscatto il team Audi, che porterà in gara tre Audi RSQ e-Tron, al volante delle vetture teutoniche ci saranno ancora Carlos Sainz, Stephane Peterhansel e Mattias Ekström. Curiosità per il debutto di M-Sport Ford, che affiderà i suoi Ford Ranger allo spagnolo Nani Roma e al sudafricano Gareth Woolridge.

IL PERCORSO DELLA DAKAR 2024

Prologo: Al’Ula – Al’Ula (28 km) – 05/01/24

Piccolo antipasto che servirà a decretare l’ordine di partenza della prima tappa. Speciale corta che al suo interno comprende un giusto mix di rocce e percorsi sabbiosi.

SS1: Al’Ula – Al Henakiyad (405 km) – 06/01/24

Prima speciale per i 778 equipaggi della Dakar che presenta un terreno roccioso con percorsi che ruoteranno attorno al vecchio complesso vulcanico nei pressi della città di Al Henakiyad.

SS2: Al Henakiyad – Al Duwadimi (470 km) – 07/01/24

La seconda speciale della Dakar 2024 si può dividere in due parti, la prima con tratti molto veloci in cui gli equipaggi dovranno spremere al massimo la cavalleria dei loro mezzi, mentre gli ultimi 30 chilometri si correranno sulle dune.

SS3: Al Duwadimi – Al Salamiya (440 km) – 08/01/24

Prima parte della tappa marathon. Gli equipaggi affronteranno un percorso ricco di dune che si altereranno a tratti rocciosi e ricchi di pietre, dove il rischio di forature sarà molto alto. A fine tappa, gli equipaggi avranno due ore per poter lavorare sui propri mezzi prima di entrare al parco chiuso notturno di fine tappa.

SS4 Al Salamiya – Al-Holuf (299 Km) – 09/01/24

La seconda parte della tappa marathon prevede un menù completamente differente dalla prima parte. Gli equipaggi affronteranno una prova “facile” che lì condurrà verso Al-Holuf, città situata all’interno dell’Oasi di Al-Ahsa, patrimonio mondiale dell’UNESCO.

SS5 Al-Holuf – Shubaytah (118 km) – 10/01/24

Il cronometraggio basso, solo 118 chilometri di speciale non deve trarre in inganno. Per arrivare al via della speciale gli equipaggi dovranno affrontare un lungo trasferimento che lì porterà nel cuore del deserto dell’Empty Quarter. Il percorso sarà durissimo con dune imponenti che metteranno sotto pressione le sospensioni dei mezzi in gara.

SS6 Shubavtah – Shubaytah (532 km) 11-12/01/24

La tappa delle tappe, una speciale marathon durissima con diversi tranelli pensati per neutralizzare il vantaggio delle squadre ufficiali. Innanzitutto, le moto e le auto che aprono la tappa seguiranno un percorso diverso, rendendo la navigazione molto più difficile per via di alcuni Waypoint nascosti lungo il tracciato. Inoltre, alle ore 16 gli equipaggi dovranno fermarsi in uno degli otto bivacchi allestiti dagli organizzatori lungo il percorso, sarà dunque fondamentale per gli equipaggi percorrere più chilometri possibili nella prima giornata. Alle ore 7 di mattina, gli equipaggi potranno riprendere il via in direzione Shubaytah dove si concluderà la tappa e gli equipaggi godranno dell’unico giorno di riposo della manifestazione.

SS7 – Riyadh – Al Duwadimi (Km 483) – 14/01/24

Nella giornata di riposo equipaggi e team si trasferiranno a Riyadh, da dove partirà l’ottava speciale della Dakar 2024. Tappa molto impegnativa con una prima parte da corrersi attorno a un canyon e una seconda parte tra le dune.

SS8 – Al Duwadimi – Ha’il (Km 458 km) – 15/01/24

Altra tappa con un mix di tratti sabbiosi e rocciosi, che metteranno in seria difficoltà uomini e mezzi. La prima parte sarà sabbiosa con un percorso che chilometro dopo chilometro diventerà sempre più roccioso con un rischio di forature che sarà altissimo per i mezzi in gara.

SS9 – Ha’il – Al’Ula (417 km) – 16/01/24

Ancora una speciale molto dura con gli equipaggi che dovranno affrontare un percorso roccioso e molto accidentato. I rischi di “perdersi” e di forare sono molto alti.

SS10 – Al’Ula – Al’Ula (371 km) – 17/01/24

Speciale che metterà in risalto le doti di guida degli equipaggi, con tratti sabbiosi e rocciosi che si alterano di continuo. La posizione di partenza in questa speciale sarà fondamentale, perché partire per primi potrebbe rivelarsi un grande svantaggio.

SS11 – Al’Ula – Yanbu (480 km) – 18/01/24

La penultima tappa della Dakar 2024, presenterà un percorso di quasi 500 chilometri cronometrati. Speciale difficile con un percorso roccioso e molto accidentato dove il rischio di forare e di far danni è molto alto.

SS12 – Yanbu – Yanbu (175 km) – 19/01/24

Ultima speciale della Dakar 2024 che si disputa su un percorso ad anello attorno a Yanbu. Prova finale che potrebbe essere una passerella per i vincitori, ma che potrebbe risultare decisiva come lo scorso anno, quando tra le moto l’argentino Kevin Benavides ha sopravanzato Toby Price.