Il Silk Way Rally scarta Cina e Kazakistan: tutto in Russia

A causa dell’emergenza mondiale coronavirus cambia il Silk Way Rally 2020. A tutela di iscritti, team, organizzatori e addetti ai lavori, gli organizzatori del raid si sono riuniti per studiare un percorso alternativo. Si è deciso di cancellare alcune tappe e di inserirne nuove. Noto anche come Rally della Via della Seta, il Silk Way Rally è stato al momento confermato. Non si correrà più in Kazakistan e in Cina, ma completamente in Russia.

Vladimir Chagin, direttore del Silk Way Rally, spiega che “le modifiche apportate sono state dettate da un comune senso di responsabilità. L’obiettivo principale è stato raggiunto: confermare la gara rispettando le condizioni di sicurezza e di tutela della salute. Il nuovo programma sarà sempre di alto livello e permetterà agli sfidanti di confrontarsi nei luoghi più suggestivi della Russia”. Certo, se il coronavirus dovesse estendersi anche in Russia tutto dovrebbe essere rimesso in discussione.

Frederic Lequien, il direttore sportivo, ha evidenziato l’aspetto positivo di questo cambiamento sottolineando che è stato mantenuto alto il livello di competitività, i trasferimenti e la logistica sono stati semplificati. Il Silk Way Rally 2020 ha cancellato le sfide previste in Kazakistan e in Cina, spostando tutto nel territorio della Confederazione Russa. Si partirà il 3 luglio da Mosca e si arriverà l’11 a Kazan, per un totale di otto tappe che avranno una lunghezza totale di 4.200 chilometri, di cui 2.700 saranno di prove cronometrate.

Da aprile riparte il Campionato Italiano Cross Country

Il Campionato Italiano Cross Country Baja si prepara a vivere una nuova stagione. Sarà un 2020 ricco di novità per la serie nazionale organizzata da Aci Sport, dedicata agli specialisti del fuoristrada. Con la pubblicazione del Regolamento Sportivo infatti, sono stati ufficializzati diversi dettagli interessanti, in particolare riguardo ai Titoli in palio ed all’assegnazione degli stessi oltre alle gare titolate.

Il Campionato Italiano Cross Country Baja assegnerà quattro titoli di “Campione Italiano”. Una novità sostanziale rispetto al recente passato, in quanto da questa stagione emergeranno due campioni tra i piloti e due campioni tra i costruttori, entrambi definiti in base alla suddivisione tra T1-T2-T3 da una parte e Veicoli di serie (T2 e T2N) dall’altra. Inoltre verrà assegnata sia per il Gruppo TH che per il Gruppo T4 la Coppa Italia al singolo vincitore. Verranno inoltre riconosciute le Coppe ACI Sport ai vincitori delle categorie Scuderie, Under 25, Gentleman e Ladies.

L’assegnazione dei titoli verrà effettuata in base alla somma dei punteggi di tutte le gare organizzate meno una. Potranno concorrere all’assegnazione del titolo i conduttori che avranno partecipato ad almeno tre gare di Campionato.

Cambia anche il calendario tricolore. 5 gli appuntamenti stagionali e 6 i risultati disponibili. Oltre all’immancabile round nell’Italian Baja, valido come episodio italiano del mondiale FIA Cross Country Bajas World Cup che assegnerà due risultati, le altre quattro gare si svolgeranno in concomitanza con il Campionato Italiano Rally Terra 2020. Ogni singola gara, compresa la doppia gara dell’Italian Baja, assegnerà un punteggio a coefficiente 1.

Ecco il calendario

Baja Terre di Gallura (Berchidda, SS) 3-4 aprile 2020
Italian Baja 2020(Pordenone, PN) 18-21 giugno 2020)
Cross Country San Marino (San Marino, RSM) 11-12 luglio 2020
Liburna Cross Country (Volterra, PI) 2-4 ottobre 2020
Cross Country Tuscan Rewind (Montalcino, SI) 20-21 novembre 2020