De Villiers positivo al Covid: Dakar a rischio

Il Covid-19 entra a gamba tesa sulla Dakar mettendo a serio rischio la partecipazione di Giniel de Villiers. Il forte pilota sud-africano, rischia di dover rimanere a casa a causa della positività riscontrata dopo un test molecolare.

Il pilota della squadra Toyota Gazoo Racing è uno dei favoriti al successo finale in una gara che disputa ininterrottamente dalla stagione 2003. Il pilota natio di Robertons (Sud-Africa), ha trionfato al rally raid più famoso al mondo nel 2009, anno in cui la carovana si trasferì dall’Africa al Sud-America. De Villiers e il suo navigatore Dennis Murphy sono stati fondamentali nel lavoro di sviluppo del nuovo T1+ Hilux, che farà il suo debutto in Arabia Saudita il prossimo fine settimana.

In casa Toyota però c’è ottimismo sull’utilizzo dell’esperto equipaggio per la gara, il pilota effettuerà un ulteriore test molecolare a metà settimana, in caso di risultato negativo potrà prendere il primo aereo direzione Arabia Saudita per aggregarsi al resto del team Toyota.

I giapponesi si presentano in Arabia Saudita con un team composto dal tre volte vincitore della gara, il qatariano Nasser Al-Attiyah, dall’altro sud-africano Henk Lategan ex-pilota di rally che in carriera vanta alcuni gettoni nel WRC e perfino in Italia, dove diversi anni fa disputò il Rally Adriatico al volante di una Skoda Fabia S2000 e da Shammer Variawa. Se, sfortunatamente il sud-africano dovesse risultare ancora positivo al test, il favorito numero uno alla sua sostituzione sarà il britannico Kris Meeke.

Per il nord-irlandese, sarebbe la seconda partecipazione dopo quella dello scorso anno al volante di un Buggy T3 del team PH Sport. Lo scorso anno, Meeke stupì tutti sotto il piano della velocità, vincendo alcune speciali e dimostrando di poter competere con piloti molto più esperti di lui, ma la sua prestazione complessiva è stata rallentata dai tantissimi problemi avvenuti dal suo Buggy.