Come sarà il Croatia WRC? Lo spiega Gregor Pavsic

Manca poco al Croatia WRC, terzo atto del World Rally Championship. La gara Croata debutta per la prima volta nel Mondiale Rally è avrà la sua base a Zagabria. La gara sarà strutturata su tre giornate di prove per circa 300 chilometri di prove speciali. La curiosità attorno a questa gara è tanta, noi ci siamo fatti raccontare alcuni segreti questa gara da Gregor Pavsic, giornalista che scrive per Siol.

“Il rally in sé è molto interessante e variegato, le speciali sono scorrevoli e abbastanza veloci, ma in alcuni punti diventano strette e insidiose. Inoltre all’interno della stessa prova ci sono sezioni molto diverse tra loro, quindi questo richiede un gran lavoro a livello di set-up della vettura. I tornanti sono pochi in questi rally, salvo sulla Bliznec – Pila (prova che si disputa la domenica) dove invece i tornanti sono numerosi”.

“Le prove saranno una novità per tutti i protagonisti del WRC, la media oraria del rally dovrebbe essere alta e quindi le velocità saranno elevate fin dai primi chilometri di gara. Saranno fondamentali i test pre-gara. In Croazia e anche nella vicina Slovenia c’è tanta attesa per l’evento, per i nostri territori rappresenta una prima assoluta. Al momento con l’emergenza Covid-19 in corso è difficile capire quanti spettatori potranno accedere alle tappe e venire in Croazia, ma gli organizzatori sperano di avere il pubblico lungo le prove”.