,

CIRT: i più bei passaggi del Rally della Val d’Orcia

val d'orcia 2024

In video la seconda gara della serie tricolore sulle strade bianche. Le più spettacolari immagini del Rally della Val d’Orcia, secondo appuntamento del Campionato Italiano Rally Terra, con il risultato finale che è rimasto incerto fino all’ultimo.

Una gara straordinaria il 15° Rally della Val d’Orcia, una lotta sul filo dei secondi terminata proprio in vista del traguardo e che ha visto impegnati, per tutta la gara dall’inizio alla fine, cinque equipaggi; al via dell’ultima prova speciale si sono presentati racchiusi in cinque secondi, dopo due giornate di gara, nove prove speciali, 75 chilometri cronometrati. Nell’ultima ”piesse” tutti sono andati al massimo e le sorprese non sono mancate. La più clamorosa è stata quella del capottamento del finlandese Mikko Heikkila, in coppia con Francesco Pezzoli, sulla Toyota Yaris Gr, che ha definitamente lasciato via libera verso il primo posto nell’assoluta al paraguayano Fabrizio Zaldivar, navigato dall’argentino Der Ohanissen, su una Skoda Fabia RS. Una vittoria strameritata per il pilota sudamericano, da noi praticamente sconosciuto ma vincitore lo scorso anno del Codasur, un campionato FIA che prevede gare in Paraguay, Argentina, Brasile, Bolivia ed Uruguay. Alle sue spalle ha chiuso con solo 1”6 di distacco il bravo pilota rumeno, di chiare origini italiane, Simone Tempestini in coppia con il connazionale Sergio Itu, su Skoda Fabia RS, dopo una gara passata quasi tutta con il ruolo da leader. A 2”4 dalla vetta ha quindi concluso, dopo l’inaspettato forfait di Heikkila, Tommaso Ciuffi con Pietro Cigni, su altra Skoda Fabia. Il fiorentino, al termine di una gara perfetta condita anche da due scratch dove ha confermato le sue grandi qualità, ha conquistato la sua prima vittoria nel Campionato Italiano Rally Terra, portandosi anche a casa il bottino pieno dopo che dal Foligno era tornato a mani vuote.