Alberto Battistolli

CIR+CRT: Battistolli vince a Volterra, Ucci e Cogni Tricolore

Sabato 6 novembre sarà una data che difficilmente Alberto Battistolli dimenticherà. Il driver vicentino navigato da Simone Scattolin, porta a casa una meritatissima vittoria al Liburna Rally Terra, ultimo atto del CIR e del CIRT.

Un successo di testa e di forza, maturato grazie ad un primo giro di prove in versione full-attack e successivamente rafforzato grazie ad altre prestazioni cronometriche di altissimo livello, che hanno permesso al veneto di firmare il suo primo successo in carriera tra le auto moderne. Un risultato che ripaga pienamente i progressi fatti in stagione da Alberto e Simone, reduci da un’annata suddivisa tra CIRT ed ERC, che apre prospettive sicuramente ad aspettative interessanti in vista della stagione 2022. Alle spalle dell’equipaggio veneto, troviamo il “Re Leone” del rallismo italiano, Paolo Andreucci che grazie a questo risultato arricchisce ulteriormente la sua bacheca di trofei, portando a casa il Campionato Italiano Rally Terra, regalando a MRF Tyres un titolo meritatissimo soprattutto per l’impegno profuso in questa sua stagione e per aver scommesso (unico a farlo) sui fondi sterrati.

A dare una svolta decisiva alla gara e soprattutto al duello per il tricolore l’uscita di strada di Umberto Scandola, con Guido D’Amore sulla Hyundai i20 R5, il favorito numero uno per la vittoria nel CIRT finito fuori strada già nella seconda prova della gara toscana. Un unico errore, in una stagione fino a qui impeccabile, che però ha pesantemente punito il pilota veronese. In una classifica disegnata da una serie di importanti ritiri a cogliere il terzo gradino del podio è stato il giovane colombiano Bruno Bulacia Wilkinson, in coppia con il navigatore argentino Marcelo De Ohannesian, anche lui con Skoda.

Quarta piazza per un Simone Campedelli che probabilmente si aspettava ben altro risultato dal Liburna, stesso discorso per Andrea Crugnola che chiude quinto assoluto. I due avranno occasione di riscatto tra due settimane, il romagnolo sulle strade dell’ERC in Spagna e il varesino all’ACI Rally Monza, tappa finale del WRC. Il grande deluso del week-end è Umberto Scandola, che a causa di uscita di strada butta alla ortiche le possibilità di portarsi a casa il “Tricolore Terra”.

A giochi del Tricolore Rally fatti, con lo scudetto saldamente cucito sulla tuta del veneto Giandomenico Basso e di Lorenzo Granai, per il varesino l’unico obiettivo era quello di conquistare i punti necessari per conquistare il secondo posto nella classifica tricolore finale, e l’ha raggiunto. Alle sue spalle, sesto assoluto, in una buona gara un altro protagonista del CIR Marco Signor con Patrick Bernardi, su Volkswagen Polo R5, specialista dell’asfalto dimostratosi bravo anche sui fondi sterrati.

Top ten al Liburna Terra completata da Skoda Fabia R5 affidate agli equipaggi di Dati-Ciucci, Trevisani-Marchesini, Dettori-Pisano e Sandrin- Menegon. Nel CIR due ruote motrici, conferma per la coppia dei fratelli siciliani Andrea e Giuseppe Nucita, Peugeot 208 R2C, che hanno dominato la gara confermando la loro superiorità nella categoria, dimostrata dal tricolore 2RM conquistato già da tempo. Nella Coppa ACI Sport Femminile vittoria di Tamara Molinaro, alla sua destra sempre Piercarlo Capolongo sulla Citroen C3 R5 che già alla partenza l’aveva conquistata visto il forfait in partenza di Rachele Somaschini, aveva ottenuto il titolo nella Molinaro e ha così conquistato il successo nella Coppa ACI Sport Under 25- il – Trofeo Pucci Grossi.

Sulla terra del Liburna, verdetto tricolore anche per quanto riguarda il Campionato Italiano Rally Junior 2021. Tra le Ford Fiesta Rally4 di ACI Team Italia gestite da Motorsport Italia di Max Rendina il successo in gara e il titolo va a Giorgio Cogni con Gabriele Zanni. Il piacentino ha spinto al massimo dopo aver duellato con un altro agguerrito Roberto Daprà (vittima di un brutto sabotaggio probabilmente finalizzato a fargli il titolo perdere il titolo e rimasto anonimo) affiancato da Fabio Andrian sempre veloci su sterrato. Quattro prove per il piacentino e quattro per il trentino. Sale sul terzo gradino del podio in Toscana il piemontese Emanuele Rosso (anche lui vittima dello stesso sabotaggio) con Andrea Ferrari che deve accontentarsi della piazza d’argento nel Campionato. Terzo del gruppo Junior Alessandro Casella con Rosario Siragusano.

Dominio in classe R4 per Filippo Baldinini, in tandem con Mirco Gabrielli su Mitsubishi Lancer Evo IX. Il riminese del CIRT doveva pensare soltanto ad arrivare in fondo per festeggiare il successo in Coppa ACI Sport R4, ma ha fatto meglio e si è aggiudicato anche il confronto diretto con Federico Fedi e Jacopo Fabbri, su stessa quattro per quattro giapponese, chiuso con un vantaggio di 1’05.6 complessivi.

Duello avvincente andato in scena anche in R3C tra i due equipaggi del Terra, il lecchese Nicolaj Ciofolo, con Filippo Alicervi, arrivato già con la vittoria acquisita della Coppa di classe e il riminese Andrea Bucci con Manuel Barbieri, entrambi su Renault Clio dove è riuscito proprio a spuntarla al Liburna Terra.

CLASSIFICA ASSOLUTA LIBURNA TERRA FINALE

1. Battistolli-Scattolin (Skoda Fabia R5) in 42’26.9; 2. Andreucci-Briani (Skoda Fabia R5) +9.6; 3; 3.Wilkinson Bulacia-Der Ohannesian (Skoda Fabia Evo) + 23.4; 4. Campedelli-Rappa (Skoda Fabia R5) + 1’12.4; 5. Crugnola-Ometto (Hyundai I20 R5) +1’17.1; 6. Signor-Bernardi (VW Polo R5)+1’40.2; 7.Dati-Ciucci (Skoda Fabia R5)+ 1’58.3; 8. Trevisani-Marchesini (Skoda Fabia R5) +2’00.4; 9. Dettori-Pisano (Skoda Fabia R5) +2’35.8; 10. Sandrin-Menegon (Skoda Fabia R5)+3’09.4

CLASSIFICA ASSOLUTA LIBURNA TERRA FINALE CIRT

1. Battistolli-Scattolin (Skoda Fabia R5) in 42’26.9; 2. Andreucci-Briani (Skoda Fabia R5) +9.6; 3; 3.Wilkinson Bulacia- Der Ohannesian (Skoda Fabia Evo) a 23.4; 4. Campedelli-Rappa (Skoda Fabia R5) + 1’12.4; 5.Dettori-Pisano (Skoda Fabia R5) +2’35.8; 6. Sandrin-Menegon (Skoda Fabia R5)+3’09.4; 7.Molinaro-Capolongo(Citroen C3 R5) +3’30.3;8. 8.Manfrinato-Pezzoli (VW Polo )+3’45.1; 9. Baldinini-Gabrielli (Mitsubishi Lnacer Evo IX) +4’17.2; 10. Daprà-Andrian (Ford FIesta Rally 4)+ 5’28.0

CLASSIFICA ASSOLUTA CIRT

1. Andreucci 75,5pt; 2. Scandola 75pt; 3. Campedelli 50pt; 4. Bulacia 45pt ; 5. Oldrati 32pt; 6.Tonso 20pt; 7. Molinaro 18pt; 8. Romagna 16,5pt; 9. Dettori 15,5 pt; Bresolin 14,50 pt.

CLASSIFICA CIR SPARCO

1.Basso 111pt; 2.Crugnola 81pt; 3.Andolfi 75,5pt

CLASSIFICA CIR JUNIOR

Cogni 91, 50pt; Rosso 90,50pt; Casella 89pt; Daprà 87pt