,

CIRAS, col Rally Valsugana stagione al giro di boa

marsura valsugana 2023

L’organizzazione dell’evento è stata curata dalla Scuderia Manghen Team, che ha preparato un percorso degno delle “regine del passato”, lungo i tratti cronometrati di “Dosso”, “Fravort” e “Lagorai”. Sul numero di RS in edicola a partire dal 12 giugno vi raccontiamo tutti i dettagli dell’evento.

La stagione 2023 del Campionato Italiano Rally Auto Storiche continua a pieno ritmo, spostando il suo focus dalla soleggiata Sicilia alle maestose montagne del Trentino-Alto Adige. Dopo un’emozionante tappa al Targa Florio Historic Rally, il quarto round del campionato è pronto a fare tappa nel pittoresco scenario di Borgo Valsugana, con la dodicesima edizione del Valsugana Historic Rally. Questa competizione, alla sua prima apparizione nel calendario del campionato tricolore, si preannuncia particolarmente accattivante, con un percorso che si snoda lungo suggestivi passaggi montani e un’affluenza di equipaggi di altissimo livello.

L’organizzazione dell’evento è stata curata dalla Scuderia Manghen Team, che ha preparato un percorso degno delle “regine del passato”, lungo i tratti cronometrati di “Dosso”, “Fravort” e “Lagorai”. I partecipanti dovranno affrontare un totale di sette prove speciali per un totale di 93,54 chilometri competitivi, tutti concentrati nella giornata di sabato 1° giugno. A dividere la scena con il Campionato Italiano Rally Auto Storiche ci saranno anche le auto del Campionato Italiano Rally Auto Storiche di Regolarità, giunto al suo quinto appuntamento stagionale, e le 19 Autobianchi in lizza per il Trofeo A112 Abarth Yokohama.

Gli equipaggi in gara

Saranno 118 gli equipaggi iscritti al CIR Auto Storiche, pronti a darsi battaglia sui tortuosi asfalti trentini, ciascuno nel proprio raggruppamento, gruppo e classe. Tra i favoriti del campionato spicca il nome di Matteo Luise, al volante della Fiat Ritmo 130 Abarth e coadiuvato dalla moglie Melissa Ferro. Luise si presenta al Valsugana Historic Rally con la pressione di mantenere la leadership nel suo raggruppamento e di difendere il titolo italiano di categoria. A contendergli la vittoria ci saranno Alessandro Bottazzi e Carmelo Cappello sulla loro Opel Corsa GSI, e il pilota locale Alessandro Taddei, affiancato da Andrea Gaspari su Subaru Legacy 4WD.

Un’altra figura da tenere d’occhio è Lucia Zambiasi, navigatrice di grande esperienza, che questa volta affiancherà Giorgio Costenaro sulla Ford Sierra Cosworth del 4° Raggruppamento. Anche Maurizio Pioner, in coppia con Bruna Ugolini su Lancia Delta Integrale, sarà nella mischia, vettura che vedrà anche la partecipazione dei team Ferrari-Comellato, Errani-Bossuto e Dezulian-Conci.

Le sfide nei vari raggruppamenti

Il 3° Raggruppamento promette emozioni intense, con Natale Mannino, Tiziano Nerobutto e Beniamino Lo Presti pronti a contendersi il vertice. Mannino, a bordo della Porsche 911 SC questa volta condivisa con Roberto Consiglio, cercherà di riscattarsi dopo una deludente performance nelle strade di casa in Sicilia. Il rivale da battere sarà Tiziano Nerobutto, che tenterà di consolidare la sua leadership in classifica con la Opel Ascona 400. Al suo fianco, la figlia Francesca sarà un ulteriore elemento di competitività. Anche Beniamino Lo Presti, che pur non avendo partecipato al Targa Florio si mantiene in seconda posizione, proverà a scalare la vetta sui tortuosi tratti del Valsugana con la sua Porsche 911 SC, navigata da Giulia Zanchetta.

Nel 2° Raggruppamento, Giovanni Emanuele Nucera e Christian Soriani puntano sulla Porsche Carrera RS per ottenere risultati brillanti, così come Alberto Salvini e Davide Tagliaferri. Altrettanto competitivi saranno Lorenzo Delladio e Andrea Smiderle, entrambi su Porsche 911 RS. La competizione sarà accesa anche da Oreste Pasetto, navigato da Carlotta Romano su un’altra Porsche 911 RS, e Luigi Orestano con Maurizio Barone sulla stessa vettura.

Nel 1° Raggruppamento, Roberto Perricone e Giorgia Velardi, sempre su Porsche 911 SC, dovranno affrontare un’agguerrita concorrenza per sperare di salire sul podio.

La competizione

Il Valsugana Historic Rally prenderà ufficialmente il via venerdì 31 maggio con le verifiche tecniche e sportive. La giornata di sabato 1° giugno sarà invece interamente dedicata all’azione, a partire dalla cerimonia di partenza prevista per le ore 8.00 sul suggestivo Ponte Veneziano a Borgo Valsugana. Dopo il passaggio in pedana, gli equipaggi affronteranno le prime tre prove speciali: “Dosso” (PS1 – 8.24), “Fravort” (PS2 – 9.14) e “Lagorai” (PS3 – 11.04), con ripetizioni nel corso della giornata.

Il ritorno ancora su “Dosso” (PS4 – 13.54), “Fravort” (PS5 – 14.44) e “Lagorai” (PS6 – 16.21) offrirà ulteriori occasioni per consolidare o ribaltare le posizioni in classifica. L’ultima parte della gara vedrà un ulteriore passaggio su “Dosso” (PS7 – 18.45) prima di concludere con l’arrivo finale previsto per le ore 19.15 nel cuore di Borgo Valsugana.

Aspettative e pronostici

Le aspettative sono molto alte, sia da parte degli organizzatori che dei partecipanti. Il Valsugana Historic Rally rappresenta non solo una sfida tecnica, ma anche un’occasione per i piloti di misurarsi con avversari di grande valore e di affrontare percorsi che metteranno alla prova le loro abilità di guida e strategia. Matteo Luise dovrà fare i conti con la pressione di mantenere il vertice, mentre nomi emergenti come Alessandro Bottazzi e il locale Alessandro Taddei cercheranno di sfruttare ogni opportunità per sbaragliare la concorrenza.

Per gli appassionati di motori e di auto storiche, il 12° Valsugana Historic Rally offre un’opportunità unica di vedere in azione vetture legendarie, guidate da piloti che hanno fatto la storia del rally italiano. Non resta che attendere l’inizio della competizione per scoprire chi riuscirà a trionfare in questa emozionante tappa trentina del Campionato Italiano Rally Auto Storiche.

Concludendo, il Valsugana Historic Rally promette di essere una tappa cruciale nel calendario del campionato, un evento che potrebbe determinare svolte significative nella classifica generale e aggiungere ulteriore adrenalina a una stagione già ricca di emozioni. Gli appassionati di rally non resteranno delusi: lo spettacolo che li attende sarà sicuramente all’altezza delle aspettative.