,

Cir 2019: rivoluzione o evoluzione? Scandola vende le Fabia a Munaretto

Umberto Scandola e Guido D'Amore si aggiudicano il Ciocchetto 2018

SA Motorsport, cioè Riccardo Scandola, ha venduto le sue Fabia R5 al Power Car Team, la squadra di Munaretto, che le avrà a disposizione da marzo. Per l’affermato team vicentino, sinora fra i pochissimi a restare fedeli alle Peugeot, è arrivato il capolinea a livello R5 ma proseguirà con le R2. Ed al vertice ora potrà contare su vetture al top della categoria fresche e competitive per i suoi clienti.

Cosa significa questo per Umberto e Riccardo Scandola, che così dopo il supporto di Skoda Italia hanno rinunciato anche alle vetture? Rivoluzione (pilota e squadra passeranno ad un altro marchio?) o semplice evoluzione (si vendono le vetture ‘vecchie’ per acquistarne in seguito delle altre uguali ma nuove)?

Di sicuro a Verona in SA (che al momento sembra significare più Scandola Auto che Skoda Auto) ancora non hanno rinunciato al Cir. La decisione di cedere le vetture a pochi mesi dall’uscita della Nuova Fabia R5 (luglio?) sconsiglierebbe un reinvestimento immediato sulle Skoda ed ora potrebbero anche scegliere di orientarsi su qualche alternativa.

A meno che la Skoda non ci ripensi, altrimenti ci potrebbero essere la Volkswagen Polo – ed anche se difficile non è detto che Volkswagen Italia resti indifferente – o la stessa Hyundai, ora che non c’è più Rossetti per l’eventuale progetto Tricolore (privato) con Friul Motor.

Per questo ovvio pensare che in casa Friul Motor pensino a Giandomenico Basso come sostituto del friulano, anche se per una partecipazione all’italiano ci vorrebbe una robusta mano, magari dalla BRC… Mentre resta vagante la ‘mina’ Andreucci con in mano una margherita con più di un petalo…