Christian Loriaux e Mikko Hirvonen

Christian Loriaux: ”Ecco perché ho lasciato M-Sport per Hyundai”

È il trasferimento dell’anno, su questo non c’è dubbio, anche se non riguarda un pilota. Il belga Christian Loriaux ha spiegato le motivazioni che lo hanno indotto ad accettare l’offerta di Hyundai Motorsport e abbandonare M-Sport (settore rally) dopo venti anni di collaborazione.

“Molti di voi mi hanno inviato dei bei messaggi sulla mia nuova sfida. Non avrei potuto rispondere a tutti, quindi voglio dire grazie a tutti. Allora, qual è la storia? Sono stato ad M-Sport per 20 anni – spiega l’ingegnere Christian Loriaux -. E continuo a lavorare con loro sul lato Endurance Racing. Tuttavia per quanto riguarda i rally ora sono consulente di Hyundai”.

“M-Sport è soprattutto Malcolm Wilson, che amo e ammiro tanto. Abbiamo lavorato mano nella mano per 20 anni, senza contratti, con una semplice stretta di mano. Non credo che esistano molte persone al mondo in grado di essere così fortunate nella vita. M-Sport è una squadra favolosa, persone e amici. Dopo 20 anni lì, alcune persone sono come dei familiari”.

“Negli ultimi 7 anni, ho affrontato la sfida Bentley GT3. Questa è stata una sfida che mi è piaciuta molto, abbiamo creato un piccolo team di ragazzi, abbiamo progettato la nostra prima auto da corsa, tutta da soli, l’abbiamo sviluppata… E abbiamo ottenuto molti buoni risultati, di cui sono orgoglioso. Purtroppo, tutte le cose belle hanno una fine e la storia della Bentley GT3 è finita”.

“Allo stesso tempo, iniziava a mancarmi il WRC, perché è stata una parte importante della mia vita e ancora quella che vedo come la formula più impegnativa del Motorsport. Nel 2020, ho continuato a sviluppare alcune idee per la Bentley e ho lavorato molto con Chris Williams sulla Ford 2022 Rally Car. Tuttavia, non ero più responsabile del progetto e non ero coinvolto in tutto e per tutto e avevo bisogno di una sfida più grande”.

“Quando la Hyundai mi ha offerto l’opportunità di tornare in una posizione in cui avrei potuto guidare un programma WRC completo, ho iniziato di nuovo a sognare. Una nuova sfida, con un Costruttore vero, impegnato, con ottimi budget e piloti… Non potevo rifiutare. È stato molto difficile e triste per me lasciare Ford e M-Sport WRC ma avevo bisogno di guidare il mio programma”.

“Anche se la Ford WRC 2022 avrà ancora molto del mio DNA, non era un mio progetto. Alla Hyundai, ho raggiunto Andrea Adamo. Con Andrea, abbiamo avuto ottimo feeling appena abbiamo iniziato a parlare e penso che andremo d’accordo. Ci capiamo bene l’un l’altro. Alla Hyundai ho scoperto un simpaticissimo team di giovani ingegneri, tutti molto motivati a vincere, quindi vediamo cosa possiamo fare. In ogni caso, il mio rapporto con M-Sport non si interrompe completamente: sono ancora a capo del settore ingegneristico della Bentley Pikes Peak Challenge. Abbiamo sviluppato una buona auto per la sfida e non vedo l’ora di vedere come va”.