Una delle immagine portate alla procura federale

Chiodi, Aci Sport rinvia la decisione per approfondimenti

Tanto tuonò che uscì il sole. Per ieri sera era attesa una decisione da parte della federazione Aci Sport in merito alla vicenda dei “Chiodi di Montalcino“. Decisione che, peraltro, è attesa già da qualche settimana e che avrebbe dovuto chiarire e finalmente mettere a tacere le tante polemiche seguite al Tuscan Rewind, così da poter arrivare alle premiazioni di fine stagione tranquilli e sereni. La buona notizia è che la classifica dell’ultima prova del CIR 2019 è stata confermata e che il 13 novembre si potrà festeggiare.

L’apparato federale deputato ad indagare in questi casi ha deciso sostanzialmente di non decidere, almeno per il momento. Sì, perché l’indagine va avanti, ma non necessariamente come si potrebbe essere portati a pensare. Pare, infatti, che le prove portate da Luca Rossetti e Citroen siano interessanti, ma non sufficienti perché quello che si vede dalla camera car potrebbe essere una piastra chiodata ma anche no. Insomma, la vicenda pare meriti ulteriori approfondimenti. Ma che tipo di approfondimenti?

Allo stato delle cose, non è possibile prendere una decisione. E le prove portate da Simone Campedelli e Orange1? Anche quelle sembrano essere state ritenute insufficienti per dimostrare un’uscita causata da foratura. Martedì 10 novembre la Procura Federale ha ascoltato Luca Rossetti, Giandomenico Basso e Simone Campedelli. Andrea Crugnola era assente. Ma intanto, la magistratura sportiva aveva già avuto modo di valutare il materiale probatorio ritenendolo insufficiente.

“Allo stato dell’inchiesta, ancora in corso – comunica la federazione – non abbiamo elementi né tantomeno ci sono state fornite prove che possano consentire alla Giunta Sportiva di prendere decisioni conseguenti se non confermare la classifica di gara”. Se non ci fossero elementi che creano dubbi, la pratica sarebbe stata già archiviata. Invece, è stata ravvisata la necessità di approfondire ulteriormente. La buona notizia è che, al momento, è stata ufficialmente confermata la classifica del Tuscan Rewind.

Nei giorni scorsi, c’era stata una presa di posizione da parte di Lorella Rinna che ha dichiarato di essersi dovuta rivolgere ad un legale per tutelare l’immagine della sua Loran, tirata in ballo sui social network e in qualche occasione fatta oggetto di accuse anche pesanti (false) e decisamente irriverenti. Prima ancora, cioè subito dopo la gara, c’è stato l’addio di Donazzan e di Orange al mondo dei rally. Ora pare che anche Ford voglia allontanarsi. Certo che anche le polemiche cavalcate nei giorni scorsi hanno ferito ulteriormente la specialità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Vuoi condividere con RS cosa pensi o vuoi fare segnalazioni?