Loran presenta le Skoda di Giandomenico Basso e Marcello Razzini (VIDEO)

Una serata di gala all’interno del Museo Mille Miglia, in una Brescia umida, è stata l’occasione per presentare i programmi sportivi di Loran che schiererà nel Campionato Italiano Rally 2019 Giandomenico Basso e Lorenzo Granai e Marcello Razzini e Gianmaria Marcomini . Due vetture al top per due equipaggi al top. Il primo dichiaratamente scelto per vincere il titolo assoluto nel Cir 2019, il secondo scelto per aiutare Basso e dare fastidio al vertice di un Campionato che già prima di iniziare si fonda su testa a testa Basso-Rossetti, Citroen-Skoda, Fpf-DP Autosport. Infatti, il primo a crederci più di tutti è proprio Alessandro Pedrocchi, titolare della DP Autosport che si è messo in gioco con il suo team con grande motivazione e voglia di fare bene.

Anche Giandomenico Basso ha confermato che l’obiettivo è lottare per il vertice. E possibilmente non per il secondo posto. Non ha nominato il “titolo” solo per una questione di scaramanzia, ma si sono ben comprese le sue intenzioni. Soddisfatto per come si stanno mettendo le cose è apparso anche il direttore sportivo Aldo Malchiodi. Ora non resta che effettuare i primi test, previsti nelle prossima settimana in Toscana, per conoscere i responsi definitivi di piloti e navigatori sulle nuove “armi” che Loran gli ha messo a disposizione. Insomma, con questa ennesima presentazione, tutte le anticipazioni date nei mesi di dicembre e gennaio dal nostro sito hanno trovato puntuale conferma.

Chi vuol fare un giro sullo Speedcar Xtrem di Armando Bracco? (VIDEO)

“Qualche giro durante gara 3 dell’Ice Challenge 2019 a bordo del mio Speedcar Xtrem”. A dirlo è il pilota piemontese Armando Bracco, che nell’ultimo weekend di gennaio 2019 ha partecipato alla seconda prova del Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio, The Ice Challenge. Quella disputata a Pragelato e vinta dall’ex pilota ufficiale Mitusbishi nel WRC, Gigi Galli, è stata una gara entusiasmante che, con i suoi 41 protagonisti al via, ha accesso gli animi e regalato tanto spettacolo.

Ci siamo spesso chiesti quale sia la visuale del pilota in questa tipologia di gare, alle quali spesso si fa da spettatori, e abbiamo visto tanti video. Ma questo che vi proponiamo è particolare. Molto particolare. Armando Bracco ci porta in giro solo per qualche giro della terza manche del weekend di gara, che ha concluso al secondo posto segnando il miglior tempo sul giro insieme a Simone Firenze in 36″290 (parimerito al millesimo). Buon divertimento…

I test Hyundai pre Rally MonteCarlo: Sebastien Loeb e gli altri (VIDEO)

Una giornata di test Hyundai, peraltro anticipata sulla nostra pagina Facebook già nel pomeriggio, poco prima dell’inizio. Tutti insieme appassionatamente i beniamini del Mondiale Rally che, come annunciato a RS e oltre, puntano alla conquista del titolo Piloti e di quello Costruttori del World Rally Championship 2019, che gli sfugge da ben sei anni, nonostante piazzamenti e successi di tutto rispetto.

Sebastien Loeb e Daniel Elena, Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul, Andreas Mikkelsen e Anders Jager, al volante delle loro Hyundai i20 WRC Plus hanno provato e riprovato e le vetture con cui dovranno sfidare gli equipaggi Toyota, Citroen e Ford al rally MonteCarlo, gara inaugurale del WRC 2019.

Loeb fa il suo esordio ufficiale giovedì 24 gennaio, giorno delle prime due speciali del Rally MonteCarlo che anche quest’anno fa da prologo al Mondiale Rally. Intanto, una volta finita la Dakar, il Cannibale è immediatamente andato all’aeroporto di Lima per prendere un aereo che lo ha riportato in Europa. Oggi, Loeb ha fatto la sua comparsa al tendone mobile allestito dal team di Alzenau per svolgere gli ultimi test con la i20 Coupé WRC Plus prima dell’avvio della corsa nel Principato.

WRC 2019: test estremo di Sebastien Ogier con la Citroen C3 WRC (VIDEO)

Terzo giorno di test per Sebastien Ogier e Julien Ingrassia, con la Citroen C3 WRC Plus 2019, vestita della bellissima nuova livrea ufficiale presentata due giorni prima all’Autosport International di Birmingham. Il campione del mondo rally 2013, 2014, 2015, 2016, 2017 e 2018 in forza alla M-Sport di Malcom Wilson, alla guida della Ford Fiesta WRC Plus, che aveva vinto il Junior World Rally Championship nel 2008 e che fino al 2011 ha corso per il team Citroën ufficiale con una DS3 WRC, ha finito una lunga e proficua sessione di prove, finalizzate a trovare i migliori settaggi in vista dell’imminente Rally Monte-Carlo.

Dai video girati si vede chiaramente che il campione del mondo è carico come sempre, più pronto che mai ad affrontare la stagione 2019, in cui Toyota difenderà il titolo Costruttori vinto nel 2018, Citroen lo pretende dichiaratamente, ma anche Hyundai punta ad aggiudicarselo con una formazione temibile. Ogier frusta la C3 WRC Plus e la fa schizzare in mezzo alle curve, velocissimo e preciso. Come un treno sui binari, a conferma del livello raggiunto dalle attuali WRC Plus.

Dakar 2019, mischiate di nuovo le carte: Peterhansel torna a vincere (VIDEO)

Immagini straordinarie e uniche direttamente dalla Dakar Rally 2019, che com’è noto quest’anno si svolge solo in Perù dal 6 al 17 gennaio 2019. La gara termina dopo dieci tappe e dodici giorni. Nella giornata del 14 gennaio, la Dakar 2019 ha mischiato di nuovo le carte. La settima tappa, con partenza e arrivo a San Juan de Marcona, ha visto il ritorno alla vittoria di Mister Dakar, Stephane Peterhansel e una giornata stregata per Sebastien Loeb: il francese ha perso 40 minuti a causa di un problema elettrico alla sua Peugeot e ha chiuso solo nono a 28′.

Intanto, Loeb scrive un’altra pagina epica nel suo personalissimo romanzo della Dakar 2019. Per una volta non grazie alla sua Peugeot, ma nonostante. L’alsaziano, reduce da due straordinarie vittorie nella quinta e sesta tappa, vive una giornata da incubo sui 323 chilometri di speciale iniziati e terminati a San Juan de Marcona.

Il suo calvario inizia pochi km dopo la partenza, quando un problema elettrico blocca la sua macchina per quasi 40 minuti. Il campionissimo francese poi riesce a ripartire, lanciandosi in una poderosa quanto disperata rimonta: a ogni parziale rosicchia infatti secondi e minuti a ogni rivale, ma questo non basta a recuperare tutto l’intero svantaggio accumulato.

All’arrivo il ritardo dal vincitore di tappa è solo di 28’27”, che lo costringono però a chiudere solo nono. Dopo essere stato però anche sessantesimo. Capitolo a parte lo merita il primo al traguardo, uno Stephane Peterhansel che si è pienamente riscattato dopo il tracollo della sesta tappa. ‘Mister Dakar’ è apparso sin dalle primissime fasi di corsa il più ispirato del gruppo, ingaggiando una bella battaglia con Nani Roma e seminandolo nel finale: lo spagnolo ha comunque chiuso secondo a 4’33”.

Terzo un ottimo Carlos Sainz, che senza un inizio problematico si sarebbe forse anche potuto aggiudicare la tappa, chiusa invece a 9’28”. Quarto al traguardo un sornione Nasser Al-Attiyah, leader della classifica generale che si è potuto permettere una giornata senza strappi dato il grande vantaggio sui rivali accumulato sin dal primo giorno. Fin qui una Dakar praticamente senza sbavature per il qatariota.