Max Rendina ha un sogno: portare un giovane italiano nel WRC

Max Rendina: ‘Voglio portare un giovane nel WRC in tre anni’

Quattro chiacchiere con Max Rendina sul finire del 2018 per comprendere meglio i suoi obiettivi imprenditoriali nei rally del 2019, specialmente dopo aver saputo che la sua Motorsport Italia ha vinto la gara che gli assegna la gestione delle Ford Fiesta del Campionato Italiano Rally Junior 2019. “Voglio scoprire un giovane e portarlo nel WRCnel giro di tre anni. Non è un’idea, è un sogno, come ne avevo tanti. Mi impegnerò per realizzarlo, come ho realizzato gli altri”, racconta a RS Rally e Slalom. Max, “romano de Roma”, come si suol dire in gergo, nasce il 25 febbraio 1974. Il prossimo anno compirà 45 anni. Per capirci, un non anziano. Un diversamente giovane con la giusta maturità per dare qualcosa di importante allo sport. Cosa rara nello sport dell’auto.

Max è pilota, direttore tecnico e tester, ma soprattutto campione del mondo rally Produzione nel 2014 e campione italiano rally Produzione due anni prima di vincere il Mondiale Gruppo N con la Mitsubishi Lancer. È laureato in scienze bancarie e assicurative, è una persona meticolosa e testarda. E ama circondarsi di gente competente. Infatti, sulla breccia nei rally da più di una decina d’anni, si sta rivelando un imprenditore capace e di successo sin dal 1993, anno in cui fonda il Roma Club e, prima dell’avvento di Roma Store, una serie di negozi di abbigliamento sportivo giallorosso. Ecco, il calcio, forse, è il suo unico difetto.

Ironie a parte, cosa spera Max Rendina?

“Nell’aiuto e nel sostegno dell’Aci Sport, che per la verità non manca – dice -. Il 2019 sarà l’ennesima prova del 9. Un anno davvero particolare, che richiederà investimenti importanti. Sarà divertente gestire le vetture del Cir Junior, questo mi permetterà di valutare meglio qualche giovane talento su cui puntare per il mio sogno personale”.

Chi potrebbe mai essere, hai già adocchiato qualcuno?

“Non sarebbe corretto fare nomi. Anzi, non sarebbe giusto. Secondo me ci sono due ragazzi che hanno tutte le carte in regola per emergere velocemente. Però, magari, verrà fuori qualcuno che mi stupirà davvero… Mi piacerebbe accompagnarne almeno uno nel WRC, nel giro di tre anni. Sarebbe bellissimo vedere di nuovo la bandiera tricolore nel Mondiale Rally. Io il Mondiale volevo farlo e un titolo iridato l’ho vinto. Se riesco a farne vincere un altro ad un mio connazionale mi sentirei professionalmente e umanamente completo”.

Quanto ti costa la gestione del programma del Campionato Italiano Rally Junior?

“Così su due piedi devo tirare fuori circa 1 milione e 400 mila euro. Le Fiesta sono dieci e costano 75 mila euro l’una e siamo già a 775 mila. Considera che le vetture sono solo una parte. Circa la metà. C’è da mettere su un’organizzazione in grado di gestirle e di risolvere qualunque problematica senza intoppi. E poi, l’ospitality, i gazebo, tendoni, le persone. Sei a sfiorare il milione e mezzo. Ma è una sfida che vogliamo vincere. Non abbiamo paura di niente e non ci tireremo indietro. Offriremo, come sempre, la massima qualità”.

E poi c’è il Rally di Roma Capitale, anche quest’anno prova dell’Europeo Rally, oltre che del Campionato Italiano…

“Per il Rally di Roma siamo già partiti con l’organizzazione. L’anno scorso è stato un successo, per l’anno che verrà dobbiamo confermare la qualità e creare una gara bella, divertente e che sia ben vista e ben voluta dalle località che andrà a toccare”.

Umberto Scandola e Guido D'Amore

Come, dove e quando si corre il tricolore terra 2019

L’1 dicembre 2018 Aci Sport ha ratificato ufficialmente il calendario della prossima stagione tricolore riservata a quegli equipaggi che corrono per il titolo in palio nel Campionato Italiano Rally Terra. La riunione che ha portato alla definizione delle date del Cirt 2019 si è svolta nella sede dell’Automobile Club d’Italia a Roma. Sono stati confermati i quattro appuntamenti del Campionato Italiano Rally Terra, che inizierà a maggio e si concluderà a novembre, con due gare su terra.

Calendario gare Cirt 2019

5 maggio, 26° Rally Adriatico

14 – 16 giugno, Rally Italia Sardegna 2019 (gara in concomitanza con il Cir)

14 luglio, 47° San Marino Rally

22 – 24 novembre, 10° Tuscan Rewind (gara in concomitanza con il Cir)

Albertini-Fappani

Svelato il calendario gare del Campionato Italiano WRC 2019

L’1 dicembre 2018 Aci Sport ha ratificato ufficilmente il calendario della prossima stagione tricolore riservata a quegli equipaggi che corrono con vetture WRC. La riunione che ha portato alla definizione delle date del Ciwr 2019 si è svolta nella sede dell’Automobile Club d’Italia a Roma. Sono state confermate le sei gare del Campionato Italiano WRC, che inizierà a marzo a si concluderà a settembre.

Calendario gare Ciwrc 2019

43° Rally 1000 Miglia, 31 marzo 2019

52° Rallye Elba, 28 aprile 2019

52° Rally del Salento, 2 giugno 2019

36° ally della Marca, 30 giugno 2019

13° Rally Alba, 28 luglio 2019

39° Rallye San Martino di Castrozza, 15 settembre 2019

Damiano De Tommaso, Michele Ferrara (Peugeot 208 R2 #72, FPF Sport)

Definito il calendario gare del Campionato Italiano Rally 2019

L’1 dicembre 2018 Aci Sport ha ratificato ufficilmente il calendario della prossima stagione, che avevamo già avuto modo di anticipare. La riunione che ha portato alla definizione delle date del Cir si è svolta nella sede dell’Automobile Club d’Italia a Roma. Sono state confermate le otto gare del Campionato Italiano Rally, che inizierà a marzo a si concluderà a novembre, con due gare su terra.

Calendario gare Cir 2019

22 – 24 marzo 42° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio

12 – 14 aprile 66° Rallye Sanremo

9 – 12 maggio 103^ Targa Florio

14 – 16 giugno Rally Italia Sardegna 2019 (Terra)

19 – 21 luglio Rally Roma Capitale e 41° Rally di Pico

30 – 31 agosto 55° Rally del Friuli Venezia Giulia

10 – 12 ottobre 37° Rally 2 Valli

22 – 24 novembre 10° Tuscan Rewind (Terra)

Damiano De Tommaso, campione italiano rally junior 2018

Senza veli il Campionato Italiano Rally e il Cir Junior

La prima notizia è che ha preso corpo il calendario gare del Campionato Italiano Rally Junior 20019. I rally che struttureranno la nuova serie, deputata a scoprire e a lanciare giovani talenti, si strutturerà su un totale di sei prove sparse per la Penisola. Nel calendario gare del nuovo Cir Junior, nell’ordine, ci sono: Rallye Sanremo, Rally Adriatico, Rally Italia Sardegna, Rally Roma Capitale, Rally Friuli e Alpi Orientali e Rally Tuscan Rewind. Insomma sei gare difficili, su asfalto e su terra. Sei gare che hanno formato i migliori rallysti del passato. I difficili asfalti matuziani che si alternano agli sterrati marchigiani, a cui seguiranno le strade bianche della Sardegna, che da sempre sono le PS più amate dai piloti del WRC.

La seconda frazione della stagione riparte da Roma Capitale, prova del Campionato Europeo Rally 2019, gara difficile che nel 2018 ha visto gli iscritti all’Europeo avere la meglio sui partecipanti al Cir, e subito dopo si fa tappas sui veloci e insidiosi asfalti del Rally del Friuli e delle Alpi Orientali, per chiudere la srtagione in bellezza al Tuscan Rewind (l’edizione 2018 ha avuto un buon rapporto ispettivo, per cui è ufficialmente nel Cir 2019).

Sempre sul fronte del Cir Junior si segnala che Motorsport Italia di Max Rendina, diretta dall’ingegnere Bruno De Pianto, ha vinto l’appalto per la gestione diretta delle vetture della serie tricolore riservata ai giovani. La struttura di Rendina acquisterà dieci Ford Fiesta che schiererà al via del campionato (il costo per il pilota, tra auto e gomme, dovrebbe aggirarsi intorno ai 50 mila euro). Il premio in palio nel Cir Junior 2019 sarà di 100 mila euro più una gara del WRC 2020, verosimilmente il Rally Italia Sardegna.

Per il resto, non sono previsti altri cambiamenti particolari per la prossima stagione del Campionato Italiano Rally: resta il titolo per gli equipaggi che corrono con vetture a due ruote motrici con la stessa assegnazione dei punteggi del 2018, quindi calcolato sulla base del piazzamento di classe R2 ed R3. Le gare valide sono tutte le gare del Cir 2019, escluso il Rally Italia Sardegna.