Due Opel Adam R2 ufficiali nel Erc 3 per Elias Lundberg e per Grégoire Munster

Erc Junior: nel 2020 la nuova Corsa, intanto Opel prosegue con la Adam

L’annuncio è stato fatto. ‘In vista della stagione 2021, Opel svilupperà un modello R2 basato sulla nuova Corsa per il Campionato Europeo e per le attività sportive internazionali riservate ai clienti. I dati tecnici della Corsa R2, che dovrebbe essere messa a disposizione dei team privati alla fine del 2020, saranno annunciati in un secondo momento. La sesta generazione di una vettura di grandissimo successo come Corsa, che giungerà sul mercato quest’anno, formerà la base della vettura rally‘, è scritto su una comunicazione di Opel Italia.

Dunque, è previsto che a fine 2020 inizino le prime consegne della nuova Corsa e che nel 2021 la vettura già svezzata e competitiva partecipi alla serie continentale e a quelle nazionali. Ma nel frattempo, Opel cosa fa? Si ferma? Non pensatelo neppure per sbaglio. Opel mantiene viva una lunga storia di successi nelle corse automobilistiche, partecipando ancora a rally nazionali e internazionali. Nel 2019 Opel Motorsport mira a raccogliere la quinta vittoria consecutiva nel Campionato Europeo Rally Junior riservato a piloti fino a 27 anni di età, che ora è stato ufficialmente rinominato Fia Erc 3 Junior Championship.

Una delle Adam R2 da 190 cavalli iscritte da Holzer Motorsport, partner tecnico di Opel, sarà affidata allo svedese Elias Lundberg (20 anni), che si è assicurato il posto nell’Adac Opel Rallye Junior Team conquistando l’Adac Opel Rallye Cup lo scorso anno. La seconda vettura sarà pilotata dal lussemburghese Grégoire Munster (20), terminato secondo dietro Lundberg nella Rallye Cup dell’ultima stagione, con tre vittorie.

Con centotrenta partecipanti da 18 Paesi, il Campionato Europeo Rally di maggior successo rappresenta una piattaforma professionale per i giovani piloti dal 2013 e ha permesso a otto giovani talenti di entrare a far parte dell’Adac Opel Rally Junior Team. “Costruiamo automobili da 120 anni e gli sport motoristici hanno sempre contribuito a formare l’immagine di Opel. Dobbiamo continuare così”, ha dichiarato Michael Lohscheller, ceo di Opel. “Due aspetti sono particolarmente importanti per noi, il fascino della tecnologia e la vicinanza ad appassionati e clienti. Anche la promozione dei giovani piloti è una delle nostre priorità. Per noi si aprono nuove grandi opportunità in seguito all’unione con l’esperta struttura di Psa Motorsport”.

Opel parteciperà alla Adac Rallye Cup nel 2019 con la versione speciale da 140 cavalli della di Adam e sosterrà la competizione con un premio in denaro e offrendo al vincitore una Adam R2 con un pacchetto di parti di ricambio per la prossima stagione. Opel offrirà a tutti i partecipanti alla Coppa anche il servizio tecnico e logistico sul campo e un pacchetto riservato ai nuovi partecipanti.

Roman Schwedt in una prova del Campionato Tedesco Rally 2018

Roman Schwedt nel Campionato Europeo Rally Junior per due anni

La Federazione tedesca aiuta e sostiene il giovane Roman Schwedt nel Campionato Europeo Rally Junior attraverso la Romo Motorsport con la Peugeot 208 R2 gommata Pirelli con un investimento biennale. Schwedt è l’ultimo talento tedesco in ordine di tempo ad essere schierato nel Campionato Europeo Rally Junior.

Il ragazzo viene dal Campionato Tedesco Rally e sta finendo di pianificare la campagna di due anni nella categoria in cui ci sono anche i suoi connazionali Marijan Griebel e Julius Tannert. Il driver di Saarland, di soli 19 anni, ha conquistato la fiducia della Adac Stiftung Sport e non vede l’ora di poter cominciare al fianco della nuova copilota, Lina Meter, tedesca di 20 anni.

“Sono davvero impaziente di affrontare queste nuove sfide e la competizione che mi aspetto di trovare nell’Erc Junior”, ha detto Schwedt, che si è piazzato al terzo posto nella classifica di campionato dello scorso anno. “Quando guardo i nomi che ci saranno, mi sento davvero emozionato e sono convinto che sarà una stagione bellissima, in cui riuscirò a maturare un’importante esperienza”, ha aggiunto Schwedt. E a ben vedere i nomi, la serie 2019 è ricca di giovani talenti provenienti da quasi tutti i Paesi europei. Quasi tutti…

Il pilota bulgaro Grigor Grigorov e Yordan Yordanov

Il pilota bulgaro Grigor Grigorov nel Campionato Europeo Rally

Il pilota bulgaro Grigor Grigorov pianifica un programma di due anni nel Campionato Europeo Rally con la Peugeot 208 R2 gommata Pirelli. Grigorov è il primo pilota bulgaro che approda nell’Europeo. Grigorov, 24 anni, si è concentrato principalmente sugli eventi in patria da quando ha iniziato a gareggiare nel 2012, il che significa che la sua partecipazione all’Erc 3 Junior 2019 segnerà il suo debutto in un Campionato internazionale.

Avendo lavorato duramente negli ultimi anni per imbastire un programma completo, il pilota della Peugeot 208 R2 non vede l’ora di cominciare. “L’Erc Junior è la strada giusta per il grande palcoscenico“, ha detto Grigorov, che vuole emulare Emil Bergkvist, Marijan Griebel, Nikolay Gryazin, Jari Huttunen, Chris Ingram e Stéphane Lefebvre. “Nel corso degli anni, abbiamo visto piloti che disputavano il Campionato Europeo Rally e ora fanno parte del Mondiale Rally, come Andreas Mikkelsen, Espekka Lappi, Jan Kopecký e altri. C’è grande copertura mediatica, cosa può desiderare di più un nuovo arrivato?”, chiede Grigorov.

Senza alcuna conoscenza degli eventi che strutturano il programma ERC 3 Junior nel 2019 e che non si sono mai radunati in precedenza sulla ghiaia, Grigorov avrà molto da imparare. Ma non si sta allontanando dalla sfida futura: infatti, ha un piano ben definito. “Non è un segreto che ogni pilota sia coinvolto nel desiderio di vincere, ma poiché questa è una nuova sfida per me di natura molto diversa, devo essere onesto con me stesso e il mio team e ci metteremo obiettivi reali da perseguire durante tutto l’anno”, ha detto il pilota bulgaro.

“Per questa stagione, il nostro obiettivo principale è quello di entrare nel campionato e mostrare un ritmo costante e sicuro come con ogni chilometraggio che copriamo, miglioreremo le nostre prestazioni generali e acquisiremo esperienza e impressioni per la stagione 2020”. Ecco un altro pilota che vuole arrivare al Campionato del Mondo Rally, passando ovviamente per l’Erc 1 con R5. Infatti, il campione junior Erc 3 riceverà in premio due gare con la Skoda Fabia R5 di Motorsport Italia nell’Erc 2020.

Lukasz Habaj punterà al Campionato Europeo Rally

Lukasz Habaj nell’Erc 2019 con Skoda Fabia R5: ‘Ora o mai più per me’

Lukasz Habaj punterà al Campionato Europeo Rally per la quarta stagione consecutiva, al volante della Skoda Fabia R5 della Sport Racing Technologies. Ad Habaj campione europeo 2016, dopo aver vinto il titolo polacco per la prima volta l’anno precedente, inizialmente era stata affidata la Ford Fiesta R5, ma poi ha fatto il passaggio alla Skoda per gli ultimi eventi del 2018.

Ha cominciato il 2019 con un podio nella gara inaugurale del Campionato Lettone Rally all’inizio di questo mese, e sta prendendo in considerazione un altro evento su ghiaccio prima della stagione Erc 2019. “Saremo presenti nei primi quattro rally di sicuro e vedremo qual è il risultato”, ha detto Habaj. “Ho cambiato vettura alla fine della scorsa stagione. Spero di essere più competitivo rispetto allo scorso anno. Se sarà così, disputerò l’intero campionato. Ci sono nuove auto e nuovi piloti, è difficile dire dove cosa ci si può aspettare”, ha detto Habaj.

“Di sicuro la Skoda è una top car e abbiamo anche esperienza in tutti i quattro rally di apertura della stagione, quindi spero di essere in grado di lottare per i primi posti. Ora o mai più per me”. Ha ragione il pilota, che sarà navigato ancora da Daniel Dymurski. “Ci stiamo allenando duramente per essere ben preparati”, ha detto. “Abbiamo preso parte al Rally Aluksne in Lettonia e molto probabilmente faremo un altro rally invernale prima di andare alle Azzorre. Grazie a questo matureremo ancora di più esperienza con la SkodaFabia R5“.

Alex Tsouloftas sarà al via dell'Erc 2019

Erc 2019: Alex Tsouloftas si candida per il titolo Junior

Alex Tsouloftas sarà al via dell'Erc 2019

Alex Tsouloftas sarà al via dell’Erc 2019

Il nome del giovane cipriota Alex Tsouloftas è emerso come un primo potenziale contendente per l’Erc Junior 2019 dopo la firma con Dbo Motorsport per la disputa dell’intero Campionato Europeo Rally. Nonostante la limitata esperienza, Tsouloftas arrivato quarto al suo debutto Campionato Europeo Rally e su una R5, all’Acropolis Rally nel 2017. Al Rally di Cipro due settimane più tardi, era in seconda posizione dopo nove PS, fino alla doppia foratura che lo ha escluso dai giochi. Ma ha colpito nel segno completando la manifestazione come il più veloce pilota locale e vincendo il Trofeo Out Cer intitolato a Colin McRae.

Tsouloftas ha preso parte a due gare del Cer nel 2018: all’Acropoli si è ritirato a causa del differenziale. Al Rally di Cipro, durante la prima giornata ha patito un guasto meccanico, ma nel secondo giorno è ripartito così veloce che Eurosport.com lo ha definito il “Ragazzo d’oro del Cer”. Tsouloftas cambierà la sua Citroën DS3 R5, per una Skoda Fabia R5 di Toksport con sede in Germania, che ha aiutato Chris Ingram a centrare il secondo posto nell’Erc Junior Under 28 2018.

Alex Tsouloftas sarà al via dell'Erc 2019

Alex Tsouloftas sarà al via dell’Erc 2019

Il ventiseienne potrà prendere punti nella classifica generale e dell’Erc1 Junior, la categoria per i conducenti di R5 che sono più giovani di ventotto anni all’inizio del 2019. “Il Cer è il campo di allenamento finale per giovani piloti che mirano al Mondiale – ha detto Tsouloftas -. Con eventi su tutti i tipi di superfici e condizioni, è un campionato promosso su scala mondiale da Eurosport e altre reti. Lo ritengo buono per costruire la tua carriera prima del livello più altro. Il mio obiettivo è il titolo Erc1 Junior e, successivamente, cercare di puntare più in alto possibile nella classifica generale. So che il primo anno e devo fare esperienza. Sarà un anno divertente”.

Jean-Baptiste Ley, coordinatore del Cer, ha dichiarato: “Abbiamo seguito da vicino Alex da quando ha fatto il suo exploit al debutto nel Cer 2017 e siamo davvero soddisfatti. È stato in grado di mettere insieme un budget per un’intera stagione nel Cer Junior con una delle migliori squadre. Alex ha molto da imparare, ma ha già dimostrato la capacità di adattarsi al nuovo ambiente in modo rapido e avere un ritmo forte”. Il Cer 2019 si articola in otto eventi, quattro su asfalto e quattro terra. La gara di casa per Tsouloftas, il Rally di Cipro, è prevista per il 27-29 settembre.