Stella d'argento del Coni per Daniele Settimo

Campionati Italiani Rally 2022: parla Daniele Settimo

A Daniele Settimo, presidente della Commissione Rally Aci Sport, abbiamo chiesto la filosofia delle nuove linee guida federali in merito ai Campionati nazionali rally 2022. In particolare, abbiamo domandato di quelle scelte che hanno radicalmente cambiato l’aspetto e il corso del Campionato Italiano Rally, quello assoluto, e quelle che hanno rifatto il “lifting” all’ex CIWRC trasformandolo nel futuro CIRA. Settimo ha, dalla sua, il merito di avere dato nuova linfa alla Coppa Rally di Zona e alla Finale della Coppa Italia e, insieme agli organizzatori, sta tentando di realizzare dei Campionati Italiani di successo (almeno in termini numerici) più adatti alla tasca dei partecipanti e meno al cuore degli appassionati e dei partecipanti. Ma si sa, viviamo un periodo incerto di crisi e la botte piena e la moglie ubriaca già non si poteva avere prima, figurarsi ora…

Presidente, non ritiene che i rally avrebbero bisogno di un solo campione e di un solo campionato italiano, come in tutte le altre specialità automobilistiche? Perché in Italia sembra non essere possibile?

“Inizierei dall’ultima domanda da lei proposta, perché in essa sono racchiuse, anche se con una modulazione diversa, tutte le altre. Ma andiamo per punti; anche nelle altre specialità del motorismo sportivo ci sono più campioni e quindi questa non è una caratteristica solo del settore rally. Quest’anno abbiamo comunque cambiato la denominazione della serie massima da CIR a CIAR, aggiungendo la A di assoluto che ha naturalmente un significato assolutamente chiaro. Per quanto riguarda poi il concetto che solamente in Italia non è possibile avere un solo Campionato Italiano, credo che sia una affermazione inesatta. Nel corso degli anni in varie nazioni, ad esempio Francia e Spagna ci sono sempre stati campionati sia asfalto che terra, con la particolarità della Spagna che aveva anche un “Super Campionato” e quindi un “Super Campione” con la classifica che veniva fatta scegliendo gare dell’una e dell’altra serie. A indicare alle federazioni una strada o l’altra è assolutamente e solo l’esame critico della realtà”.

Un estratto di un ampio approfondimento sui Campionati Italiani Rally 2022 su RS e oltre di dicembre 2021

Copertina dicembre 2021

Scarica la nostra app o accedi da PC, registrati gratis

Successivamente puoi abbonarti o comprare la copia di tuo interesse

Il tuo sostegno ci aiuta a migliorare giorno dopo giorno il servizio che offriamo a te a tutti i nostri amici lettori

Cosa sapere sull’abbonamento a RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è gratuito
  • Le nostre app sono gratuite, ma per ora dall’app non si può pagare
  • Dopo aver effettuato la registrazione (puoi cliccare qui) ci si potrà abbonare pagando direttamente dal PC
  • Disponibile abbonamento singolo, digitale o cartaceo, o doppio, sia digitale sia cartaceo
  • Acquistabile anche la copia singola

Opzioni di acquisto

  • Singola copia digitale – 3,00 euro
  • Singola copia cartacea + spedizione – 6,50 euro
  • Abbonamento digitale 12 numeri con accesso all’archivio storico – 35,00 euro
  • Abbonamento cartaceo e digitale 12 numeri con accesso all’archivio storico + spedizione – 70,00 euro
  • Abbonamento cartaceo 12 numeri + spedizione – 50,00 euro

Si può scegliere di leggere il giornale sul PC o sullo smartphone e sul tablet o se farsi leggere gli articoli dall’assistente digitale, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS e oltre gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento