Babuin-Gaio Adria

Babuin-Gaio in testa alla prima giornata dell’Adria Rally Show

Freddo quasi “artico”, ma anche una giornata soleggiata, hanno fatto da cornice alla prima giornata di Adria Rally Show, partito intanto con il record di adesioni, 124, prima gara rallistica dell’anno nella inusuale location di un circuito, in questo caso quello del Veneto. Una location peraltro già collaudata in passato, per gare di rallies che hanno convinto molti driver nazionali a staccare il cartellino di presenza, con vetture di alto profilo.

Al termine della prima giornata di sfide, tre prove speciali, cui si è aggiunta la prova di qualifica in notturna di ieri sera, la leadership è in mano al friulano Denis Babuin (nella foto Actualfoto), in coppia con Simone Gaio, con una Ford Fiesta WRC. Il 38enne pilota di Azzano Decimo, rientrante in gara dopo un anno e mezzo, ha preso in consegna le redini della classifica dalla seconda prova speciale, riuscendo a tenere testa a Marco Bonanomi, al debutto con una VolksWagen Polo R5 ed affiancato da Andrea Rossetto. E’ di 6”8 il vantaggio che Babuin ha sul pilota di Lecco, mentre la terza posizione provvisoria è adesso per i meritevoli “Linos”-D’Ambrosio, anche loro con una Polo R5, staccati di 17”2 dal vertice.

I tre del podio si sono lasciati dietro un’accesa bagarre, con Andrea Mabellini e Virginia Lenzi (Skoda Fabia R5), quarti ed a soli due decimi dall’attico della classifica, confermando la notevole forza del giovane bresciano classe ’99, Campione del Mondo rally GT lo scorso anno.

Giovanni Berton (affiancato da Ferrarese), pilota locale di Cavarzere e già Campione Italiano, è quinto a 26”0, dovendo prendere le misure della Citroen DS3 WRC che guida per la prima volta. Sesta piazza provvisoria per i bresciani Tosini-Peroglio, visti già in forma ieri sera nella “Qualifying Stage “in notturna, dove hanno staccato il miglior tempo, con la loro gialla Skoda Fabia R5. Per loro un duello “caldo” con Berton e Ferrarese, tant’è che sono dietro di soli 1”1, promettendo scintille per l’ambo di prove finali di domani.

Settimo assoluti sono Alberto Battistolli-Simone Scattolin (a 27”4), anche loro in debito di feeling con l’asfalto, che stanno affrontando in questa occasione con una Skoda Fabia R5, ottava piazza per il savonese Fabrizio Andolfi (con Menchini alle note su una Skoda Fabia R5), a 28”9, nono il milanese Simone Miele, con Cerutti, prima occasione per loro su una Fabia R5, a 32”9 e chiude la top ten la ammiratissima Ford Fiesta WRC “plus” di Fontana-Savastano, a 37”9.

Classifiche dunque apertissime, per la giornata conclusiva di domani, che lasciano spazio ai più svariati pronostici, a conferma della validità dell’evento sotto il profilo agonistico.