Ott Tanak, Rally di Estonia 2020

Al Rally di Estonia si sgonfia il WRC: soli 43 iscritti

Sono appena 43 gli iscritti al Rally Estonia, settimo atto del Campionato del Mondo WRC. Un numero molto basso, ancor di più se si tiene conto che la gara estone è valida anche per il WRC3 Junior, cifra in ulteriore calo rispetto ai 59 iscritti dell’edizione 2020, quella del debutto iridato dell’Estonia nel WRC e i 49 dello scorso anno.

Tra le vetture Rally1 non sono segnalate sorprese, con Hyundai Motorsport che conferma la stessa formazione che vedremo all’opera in Kenya, con Oliver Solberg che andrà ad affiancare i due capitani Thierry Neuville e Ott Tanak. In casa TGR torna nella line-up Esapekka Lappi che andrà a sostituire Sébastien Ogier, mentre Pierre-Louis Loubet sarà al volante della Puma Rally1 dopo aver saltato la costosa trasferta africana.

Nel WRC2 Open si annuncia una battaglia tra “nordici” con Andreas Mikkelsen e Teemu Suninen chiamati al riscatto dopo un inizio di stagione non propriamente positivo. Il norvegese è stato tradito per due volte dalla sua Skoda Fabia Rally2, mentre il finlandese ha buttato via una vittoria certa in Portogallo uscendo di strada sulla power-stage finale.

Outsider da tenere sicuramente sott’occhio saranno il russo Nikolay Gryazin, che arriva in Estonia carico a 1000 dopo il successo in Sardegna, i locali Egon Kaur e Georg Linnamae e il rientrante Hayden Paddon. Tra gli iscritti alla support series troviamo anche i nostri Mauro Miele e Luca Beltrame, che andranno alla ricerca di punti pesantissimi in chiave WRC2 Masters.

Sei gli iscritti nel WRC3 Open con sfida apertissima con i locali Sami Pajari, Lauri Joona e Robert Virves favoriti al successo finale. Outsider pericoloso potrebbe essere il britannico Jon Amstrong.