A Gessa-Pusceddu il Rally Parco Geominerario

Vittoria sulle strade di casa per Marino Gessa e Salvatore Pusceddu, che grazie ad una prestazione full-attack vincono la terza edizione del Rally Parco Geominerario-Dune di Piscinas. La gara disputata sui bollenti asfalti attorno ad Arbus e Guspini era valida come primo round del CRZ 9 e come Trofeo Aci Delegazione Sardegna.

Solamente 36 gli equipaggi che si sono dati appuntamento a questa gara, che segnava la ripresa dei rally su asfalto in Sardegna dopo uno stop di un’anno e mezzo dovuto alla pandemia, un numero tutto sommato molto basso se si considera la media Italiana (che sfiora i 75-80 equipaggi a gara) dalla ripresa a oggi, ma a difesa di questo dato va considerato l’infelice periodo in cui è stata collocata la gara, ovvero nel bel mezzo di una stagione turistica che tutti sull’Isola dei Quattro Mori sognano come il ritorno alla normalità.

Una gara perfetta quella di Gessa-Pusceddu che su Skoda Fabia R5 vincono tutte le nove programma chiudendo con un vantaggio di 40”1 sull’equipaggio secondo classificato, Maurizio Diomedi e Giuseppe Pirisinu, anche loro al volante di una Skoda Fabia R5. I vincitori dell’edizione 2019 precedono i friulani Dimitri Tomasso e Cristina Caldart, autori di un’eccellente prestazione al loro debutto sulle strade Isolane.

Quarta piazza a 58″ per Siddi-Rollo, seguiti dal toscano Vanni in coppia con Murranca, pure loro con un vettura ceca. Sesto posto per la prima delle 2 Ruote Motrici, la Renault Clio R3 di Mannu-Frau che hanno preceduto la Skoda Fabia R5 di Pusceddu-Cottu. Ottava posizione per la Peugeot 207 S2000 di Farci-Monni, chiudono la Top10 la Peugeot 106 di Solinas-Zara e la Renault Clio RS di Tria-Piccinnu che hanno vinto la classe N3 approfittando anche del problema meccanico di Canalis-Moncini che hanno perso 20′ nell’ultima speciale quando erano in settima posizione assoluta.