Il 41°Rally il Ciocco e Valle del Serchio apre la stagione del tricolore rally

È tutto pronto per festeggiare le 41°edizione del Rally del Ciocco, valida come prova di apertura del Campionato Italiano Rally. Una nuova edizione, quella che si svilupperà dal 22 al 24 marzo, ma con un occhio alla tradizione. Gli organizzatori della Organization Sport Events hanno infatti proposto una gara tutta basata sulle più classiche prove speciali che hanno reso famosa la corsa, che si svolge nell’alta Garfagnana in provincia di Lucca.

Tra le conferme quella di Forte dei Marmi come location di prestigio per la partenza e per la prova speciale spettacolo (con diretta streaming su www.acisport.it e @CIRally) che si svolgerà subito dopo il via, due chilometri e duecentocinquanta metri di spettacolo sul lungomare, nel centro storico della cittadina della Versilia. Poi seguirà un lungo trasferimento con un passaggio anche a Lucca sulle mura per un controllo a timbro. Secondo il nuovo format della serie la seconda giornata di gara sarà la più ricca.

Il via di questa seconda parte della gara sarà alle ore 6.30 di sabato 24 marzo e saranno ben quattordici prove speciali in programma, con tre passaggi sui circa sette chilometri di Massa Sassorosso, altri tre passaggi sui quasi venti chilometri della Careggine, la prova più lunga del rally. Poi due passaggi sui 17,19 km di Tereglio e altri due sui 14,32 km di Renaio, inframezzate dalle immancabili, spettacolari e divertenti “corte” NoiTv e Il Ciocco, disegnate tutte all’interno della Tenuta Il Ciocco. L’arrivo del 41° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio intorno alle ore 19.30, sarà come per le precedenti edizioni, sempre di sabato 24 marzo, a Castelnuovo di Garfagnana, cittadina che ospiterà anche il Parco Assistenza e i Riordini della gara. Ridotto il chilometraggio valido per il Campionato Regionale, che dopo avere disputato, venerdì 23 marzo, la prova spettacolo a Forte dei Marmi, vedrà altre otto prove speciali al sabato, per un totale di quasi settantadue chilometri, partendo dal secondo passaggio su Massa Sassorosso e concludendo la competizione regionale insieme al rally “maggiore”.

Per quanto riguarda gli attesi protagonisti del rally tricolore, al via si contano ben 25 vetture R5 iscritte, decisi a fare bene fin dal rally Il Ciocco e motivati anche dal nuovo Campionato Italiano Rally Asfalto, al quale sono davvero molti i pretendenti. L’uomo da battere, sulle sue strade di casa, rimane Paolo Andreucci, con Anna Andreussi e la Peugeot 208 T16, ormai con la stella cucita sulla tuta in virtù del decimo scudetto tricolore. Pronto a raccogliere il confronto un vero plotone di talenti ormai noti. A partire dal veronese Umberto Scandola con D’Amore sulla Skoda Fabia R5), e il cesenate Simone Campedelli con Tania Canton (Ford Fiesta R5), oltre ai siciliani Andrea Nucita, sempre affiancato da Vozzo (Hyundai i20), e il campione Junior uscente Marco Pollara con Princiotto (Peugeot 208T16). Quindi Antonio Rusce navigato da Farnocchia (Ford Fiesta Evo II) e il toscano Rudy Michelini con Perna (Skoda Fabia R5). E ancora quattro giovani di spessore, tutti al volante di Ford Fiesta, come il varesino Andrea Crugnola con l'esperto bresciano Fappani, il molisano Giuseppe Testa con Bizzocchi, il lariano Kevin Gilardoni insieme a Bonato, e il lucchese Luca Panzani navigato da Pinelli. Molti anche i piloti che si presenteranno a Forte dei Marmi su una Skoda Fabia. A partire dal pilota locale Federico Santini, come Simone Bertolotti e Leopoldo Maestrini, ma anche Alessio Profeta e Luca Artino a chiudere la numerosa “flotta” di R5.

Nutrita anche la pattuglia dei contendenti del Campionato Italiano Rally Junior, cominciando dai due portacolori di Aci Team Italia: Damiano De Tommaso e Tommaso Ciuffi. Il varesino e il toscano saranno al volante di Peugeot 208 R2. A dargli del filo da torcere si candidano in molti: Lorenzo Coppe, Andrea Mazzocchi, Davide Nicelli, Alessandro Nerobutto, Stefano Strabello, Jacopo Trevisani.

Altro confronto da tenere d'occhio sarà quello offerto da Ivan Ferrarotti, Emanuele Rosso, Nicola Fiorillo e il giovane Riccardo Canzian, che si sommano agli stessi De Tommaso e Nerobutto nella sfida per il Campionato Italiano Due Ruote Motrici.

Di notevole interesse sicuramente la presenza dei trofei monomarca, che portano alla ribalta sempre vecchie conoscenze e nuovi piloti emergenti: Clio R3T e Twingo R1 Top per quanto riguarda casa Renault e il Suzuki Rally Trophy. Ad arricchire l’elenco anche i partecipanti al Campionato Regionale.