Il Rally dei Nebrodi si riaccende il 14 e 15 aprile

Nella foto l’equipaggio Marco Pollara - Giuseppe Princiotto su Renault New Clio R3, ultimi vincitori sule strade dei Nebrodi nel 2016.
Si prepara ad un grande ritorno il Rally dei Nebrodi, di cui l’edizione numero 19 accenderà i motori sabato 14 e domenica 15 aprile e sarà la seconda prova del Trofeo Rally Sicilia, aperta anche alle Autostoriche. La gara organizzata da CST Sport riporta le auto da corsa in uno scenario unico per fascino e selettività, da sempre amato da pubblico e piloti per il richiamo particolare che esercita e per la garanzia di alta spettacolarità. Le iscrizioni si chiuderanno lunedì 9 aprile.
Sant’Angelo di Brolo, Raccuia e Sinagra, sono i tre comuni che ancora una volta si sono schierati al fianco dell’organizzazione ed hanno confermato la propria piena fiducia in un appuntamento sportivo che ha sempre garantito non solo adrenalina, ma anche l’occasione di assaporare dei luoghi dalle caratteristiche uniche con i propri tesori di natura arte, tradizione e vocazione all’ospitalità.
Sant’angelo di Brolo, Raccuia e Sinagra, sono anche i nomi delle tre prove speciali sulle quali si articolerà la gara, che partirà nella serata di sabato 14 aprile dal primo dei tre comuni nel cuore dei Nbrodi. Domenica 15, giornata di grandi sfide sulle guidate e spettacolari strade nebroidee con traguardo finale alle 19 ancora nel centro di Sant’Angelo di Brolo.
Una collaborazione che si è rinsaldata nel tempo quella tra CST Sport ed i tre comuni dei Nebrodi legati da sempre al rally e che nell’edizione del rilancio hanno immediatamente confermato la propria fiducia in una competizione cresciuta in simbiosi con i propri luoghi.
La competizione affonda le sue radici in una storia fatta di grandi sfide sulle strade dei monti della provincia di Messina, territori che devono molta della loro fama al rally che li ha più volte portati alla ribalta nelle lunghe notti di prove speciali affascinanti e selettive, che ora grazie alla volontà ed alla professionalità di CST e della solida realtà di partner pubblici e privati, torneranno sulla scena nella primavera siciliana.